Torna a Surriento…

Lettura 2 min

di Marcus Dardi -Scritta dai fratelli Ernesto e Gianbattista De Curtis nel 1894, “Torna a Surriento” è’ un invito a visitare e a ritornare nella costiera amalfitana dove Sorrento ne è appunto la città più importante.

La primissima registrazione fu affidata, nel 1905, al tenore Mario Massa.

La curiosità legata alla canzone a metà tra realtà e leggenda dice che Giuseppe Tramontano, sindaco di Sorrento nel 1902, commissionò questa canzone.

Il motivo era legato alla visita ufficiale a Sorrento del presidente della repubblica “Giuseppe Zanardelli” che avrebbe alloggiato all’hotel Tramontano, proprietà dello stesso sindaco.

Il presidente aveva fatto delle promesse importanti per il miglioramento delle infrastrutture comunali e per non fargli dimenticare le promesse, il sindaco ha fatto cantare appunto “Torna a Surriento”.

Della serie…….a buon intenditor poche parole, meglio una bella canzone!

Torna a Surriento è stata cantata poi da tutti i più grandi tenori lirici e da tutti i cantanti classici.

Negli USA ne fu fatta una versione leggera, in inglese, interpretata da Elvis Presley dal titolo “Surrender”. La versione di Elvis Presley tocco i vertici delle Hit Parade in moltissimi Paesi ed è ancora ricordata come uno dei suoi maggiori successi.

Video: Torna a Surriento – https://www.youtube.com/watch?v=9rYXn5NwIMc

TESTO

Vide ‘o mare quant’è bello! Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente Ca scetato ‘o faje sunnà.

Guarda, gua’ chistu ciardino; Siente, sie’ sti sciure arance.
Nu prufumo accussì fino Dinto ‘o core se ne va…
E tu dice “I’ parto, addio!” T’alluntane da stu core…
Da la terra da l’ammore… Tiene ‘o core ‘e nun turnà

Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento, Famme campà!
Vide ‘o mare de Surriento, Che tesoro tene ‘nfunno:
Chi ha girato tutto ‘o munno Nun l’ha visto comm’a ccà.

Guarda attuorno sti sserene, Ca te guardano ‘ncantate
E te vonno tantu bene… Te vulessero vasà.

E tu dice “I’ parto, addio!” T’alluntane da stu core…
Da la terra da l’ammore… Tiene ‘o core ‘e nun turnà

Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento, Famme campà!

Photo by Damiano Baschiera 

Servizio Precedente

"Passaporto sanitario" europeo pronto dal 15 giugno

Prossimo Servizio

Il governatore veneto: Compreremo Sputnik

Ultime notizie su Storia e Territorio