Senza facebook, i nostri bisnonni si divertivano così

Lettura 5 min

di Marcus Dardi – Non vi siete mai chiesti come si divertivano i vostri nonni, o meglio ancora i vostri bis e bis nonni?

La risposta è molto facile. Si divertivano con la semplicità delle stornellate da osteria. Il cabaret popolare dei nonni e bis nonni era fatto di racconti facili, di canzoni allegre e dai contenuti molto semplici come la canzone Martino e Marianna che racconta del perenne diverbio tra marito e moglie.

Questa canzone si pensa che abbia origini addirittura dal lontano 1600, ma è difficile stabilirne una data certa. Comunque, il diverbio, i litigi, tra marito e moglie sono sempre stati bersaglio di tutte le satire da osteria delle canzoni popolari e molto di più.

Il cabaret nasce alla fine del XIX secolo in Francia come variazione alle forme di spettacolo del Cafè-Chantant che in Italia prese il nome di Caffè Concerto.

Il primo cabaret combinava diverse forme di spettacolo inserendo numeri di teatro, di danza, di recitazione comica, di prestidigitazione, di canzoni ecc…. Era un’offerta molto ampia di Varietà.

I locali celebri dei primi cabaret francese furono “Le Chat noire” ed il Mulin Rouge.

Il Kabarett Tedesco invece si differenziava dal cabaret francese per la sua vena satirica, provocatoria, intellettuale e critica nei confronti del potere.

In Italia invece venne proposto nei caffè concerto che ampliarono così la loro offerta di spettacoli.

A Milano il tempio del cabaret cittadino è stato il Derby Club, che dal 1959 al 1985 ha ospitato tutti i più grandi artisti della scena milanese. Il Derby è stato poi sostituito da Zelig.

Il carattere e lo spirito dell’antico cabaret è andato quasi perduto poiché oggi le televisioni propongono solo l’attuale comicità che è più vicina alla demenzialità che alla comicità di valore che aveva quella del vero cabaret originale.

Martino e Marianna

(popolare ‘800)

«L’è tri dì ch’el pioeuv e’l fiòcca, mè marì l’è nò turnà,

ò ch’el se perduu in la fiòcca, ò ch’el se dismentegà »

« Derva quell’ùss, corpo de bìss, derva quell’ùss, sangue de bìss,

derva quell’ùss, Marianna ! »

« due te see staa, corpo de bìss, due te see staa sangue de bìss,

due te see staa, Martino ? »

«Sun stà al mercà, corpo de bìss,     sun stà al mercà, sangue de bìss,

sun stà al mercà, Marianna ! »

«Cus t’è cumprà, corpo de bìss, cus t’è cumprà, sangue de bìss,

cus t’è cumprà, Martino ? »

«Un bel cappel, corpo de bìss, un bell capell, sangue de bìss,

un bel cappel , Marianna ! »

« Cus te gh’è dà, corpo de bìss, cuos te gh’è dà, sangue de bìss,

cus te gh’è dà ,Martino? »,

« Gh’hu dà cinq frànch, corpo de bìss, gh’hu dà cinq franc, sangue de bìss,

gh’hu dà cinq frànch Marianna ! »

«Te gh’è da tròpp, corpo de bìss, te gh’è da tròpp, sangue de bìss,

te gh’è da tròpp, Martino ! »

« Sun mì el padrun, corpo de bìss, sun mì el padrun, sangue de bìss,

sun mì el padrun , Marianna! »

« Te d’un sgiaffun, corpo de bìss,     te d’un sgiaffun, sangue de bìss,

te d’un sgaffun, Martino ! »

«Fasèmm la pàs, corpo de bìss,     fasèmm la pàs, sangue de bìss,

fasèmm la pàs Marianna! »

« Fèmm un ballett, corpo de bìss,     fèmm un ballet, sangue de bìss,

fèmm un ballett, Martino! »

« L’è tri dì ch’el pioeuv e’l fiòcca,     mè marì l’è turnà a cà

per pù perdel in la fiòcca,     mì l’hù sarà su in cà ».

Photo by Marius Masalar

Servizio Precedente

Pronti alla patrimoniale? Spunta l'ipotesi della tassa sul virus

Prossimo Servizio

Tremonti: auguro a Germania di fare meno 5% di Pil. Europa è politica, non solo economia

Ultime notizie su Storia e Territorio