Riccardo Moraca, il medico rock di “Fibrillazione atriale”

Lettura 4 min

di Marcus Dardi – Riccardo Moraca è un medico di base e pediatra a Sesto San Giovanni, comune confinante a nord con Milano.

Over 60, Riccardo ha mantenuto uno spirito rock che mette spesso a servizio del volontariato.

Per cinque anni si è recato in “vacanza sociale” a Zanzibar aiutando, come medico, le popolazioni di tre villaggi: il villaggio del cocco, quello dei pescatori e quello della foresta delle scimmie.

In questi villaggi così poveri e dal servizio sanitario quasi nullo, Riccardo ha portato, regalandole, medicine e qualche strumento medico di base per misurare la pressione, controllare il cuore, controllare orecchie e polmoni.

Insieme alla scienza medica Riccardo porta con se la passione per la musica. Come nome d’arte ha scelto “Rhok”, un nome che suona rock ma che lui scrive in modo diverso per rendersi ancora più speciale.

Il suo ultimo CD riflette tutta la sua originalità. Ha per titolo “Fibrillazione atriale” e contiene 12 brani che trattano diversi argomenti.

I temi da lui trattati sono variegati e di grande attualità. Riccardo affronta in musica temi di economia, affronta il tema della violenza sulle donne, si parla di ansia, depressione e attacchi di panico che sempre di più riguardano anche i giovani.

La vocazione musicale del nostro medico rhok nasce con la passione della musica dei Beatles, ha preso qualche lezione dal maestro della banda del suo paese natale Melissa, in provincia di Crotone, e poi ha continuato da autodidatta.

Con quattro amici forma un piccolo complessino dal nome, per lui profetico, “The Doctors”.

Il Dottor Rhok ascolta e ama tutti i generi di musica dal pop al classico ma l’influenza resta sempre quella dei beatles, dei Rolling stones, dei Dick Dick e di tutti i cantautori celebri degli anni 60 e 70.

Una volta laureato la passione per la musica non lo ha mai lasciato e rispolverando vecchie composizioni, con l’aiuto di arrangiatori e strumentisti ha dato luce al suo CD Fibrillazioni atriali. Il termine è medico ma applicato alla vita quotidiana vuol significare che: tutti gli squilibri di questa nostra società portano a forti disagi che facilmente si trasformano in fibrillazioni. (n.b. La fibrillazione atriale è un’alterazione del ritmo cardiaco, che interessa agli atri del cuore e che rende il battito cardiaco molto rapido ed irregolare).

Nella sua vita la passione/missione della professione medica hanno avuto una forte dominante ma nel tempo libero la musica ha riempito con grande soddisfazione la sua vita.

Per il medico rhok Riccardo scrivere canzoni è un arte da condividere con gli altri senza gelosie, è un impegno sociale che serve a lanciare messaggi e parlando del presente Riccardo con amarezza dice che “Allo stato attuale non vedo molti messaggi grossi in giro, vedo molta superificialità, attaccamento al business o messaggi non molto profondi”.

Riccardo però non demorde e sostiene che “Tra dieci anni mi vedo ancora impegnato a scrivere canzoni e a realizzare i miei dischi.”

Gli eritocitri di Riccardo infatti non sono i comuni globuli rossi di tutti, sono “globuli rhok”.

Servizio Precedente

Usa: "Project Veritas" pubblica comunicazione interna di ad Twitter su espulsione Trump

Prossimo Servizio

Bergamo scrive alla Regione Lombardia: basta zone rosse indistinte

Ultime notizie su Storia e Territorio