Porta Romana bella!

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – Porta Romana Bella è una canzone popolare milanese risalente alla fine del 1800. Questo brano si colloca all’interno del filone delle canzoni della mala poiché le sue strofe raccontano il mondo della microcriminalità di Milano, la cosiddetta “Ligera”, che era però una criminalità abbastanza all’acqua di rose fino alla fine degli anni ‘60 per poi degenerare in una brutale criminalità con la banda Cavallero.

Di questo brano vi sono moltissime versioni e quella che è passata maggiormente alla storia è quella dei Gufi portata poi avanti da Nanni Svampa.

La versione di Giorgio Gaber invece è una versione più romantica, parla e canta di un uomo legato alla “ligera” che, finito di scontare un anno di prigione, scopre che la sua fidanzata si è sposata con un altro uomo che le dava più sicurezza poiché non implicato nella microcriminalità.

Le strofe della canzone sono moltissime poiché è stata ideata sulla metrica dello stornello con le strofe improvvisate ed inventate dai vari interpreti.

Un po’ di Storia.

La Porta Romana che vediamo oggi è il rudere dell’arco monumentale fatto costruire da Filippo III di Spagna nel 1596. Era inglobato nelle mura spagnole, i famosi “bastioni” oggi completamente demoliti.

Era una delle sei principali porte di Milano che serviva da ingresso ad uno dei sei storici sestieri in cui era suddivisa la città meneghina nel 1600.

Prima della porta spagnola vi erano altre due porte, quella medioevale situata lungo la cerchia dei navigli all’incrocio dell’attuale Via Francesco Sforza con Corso di Porta Romana, e la prima Porta costruita ai tempi dei romani nel I secolo a.C. che era situata all’inizio dell’attuale Corso Italia. Al tempo dei romani qui vi era la via porticata una via coperta, lungo il decumano, piena di portici.

Video: https://www.youtube.com/watch?v=ZKfKXrPIPF0

Default thumbnail
Servizio Precedente

Vi piacerebbe essere come in Cina? Perché questo è il Covid dell'avvenire che ci attende

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Il federalismo Usa che nasce dall'indipendenza

Ultime notizie su Storia e Territorio