Non solo e-commerce. Tutti dal contadino. Boom di spesa vicino a casa

Lettura 1 min

Non solo internet, con il Covid volano anche gli acquisti di Natale diretti dal contadino in crescita del 26% nel 2020, trainati da una nuova sensibilità degli italiani verso i cibi salutari ma anche dalla volontà di recuperare un contatto diretto con chi coltiva i prodotti che portano in tavola, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia. E’ quanto emerge da un’indagine Coldiretti/Ixe’ che rivela una vera e propria svolta green nei consumi per effetto della tendenza delle persone a compensare il maggiore tempo trascorso in casa con un’alimentazione più sana ma anche per prodotti originali e gustosi da regalare a parenti e amici.

Una opportunita’ – sottolinea la Coldiretti – colta anche per le festivita’ di Natale e Capodanno con la possibilita’ di condividere i menu con due commensali non conviventi o i minori di 14 anni che potranno spostarsi sempre per raggiungere i familiari, prevista dall’entrata in vigore del nuovo decreto. La spesa media nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica e’ cosi’ passata nel 2020 da 27 euro a 34 euro, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’, arrivando a rappresentare oltre un terzo della spesa alimentare totale tra coloro che frequentano i farmers market.

A spingere la spesa dall’agricoltore e’ soprattutto la possibilita’ di trovare prodotti stagionali, a km zero e di qualita’, ma anche perche’ per l’enogastronomia l’84% degli italiani preferisce fare acquisti di persona direttamente dal produttore poiche’ cio’ garantisce maggiore attenzione nella selezione e anche un servizio di consulenza rispetto al web, secondo un’analisi Coldiretti. Un risultato reso possibile dal fatto che l’Italia e’ l’unico Paese al mondo che puo’ contare su una unica rete organizzata che mette a disposizione delle famiglie circa 1200 mercati contadini a livello nazionale sia all’aperto che al chiuso con una varieta’ di prodotti che – spiega la Coldiretti – vanno dalla frutta alla verdura di stagione, dal pesce alla carne, dall’olio al vino, dal pane alla pizza, dai formaggi fino ai fiori. 

Nei mercati dei contadini di Campagna Amica e’ possibile anche trovare specialita’ del passato a rischio di estinzione che sono state salvate grazie all’importante azione di recupero degli agricoltori e che non trovano spazi nei normali canali di vendita dove prevalgono rigidi criteri dettati dalla necessita’ di standardizzazione e di grandi quantita’ offerte. Il boom della spesa nei mercati contadini non compensa pero’ – sottolinea Coldiretti – le difficolta’ causate dalla pandemia alle aziende agricole, a causa soprattutto del crollo delle attivita’ di bar, trattorie, ristoranti e pizzerie, oltre che degli agriturismi. Il risultato e’ una perdita di fatturato di oltre 9,6 miliardi per i mancati acquisti in cibi e bevande nel 2020, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche salumi e formaggi di alta qualita’ che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. 

Photo by Peter Wendt 

Servizio Precedente

Maxi sequestro di farmaci e 615mila euro in noto ambulatorio veterinario a Ravenna

Prossimo Servizio

Oggi sentenza sindaca Raggi su caso Marra. Procura chiede 10 mesi reclusione dopo assoluzione in primo grado

Ultime notizie su Storia e Territorio