Ma mi… La mala di Strehler

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – Quando si parla del filone delle canzoni della mala milanese, la prima canzone che salta in mente è Ma Mi di Giorgio Strehler.

Tutti, ma proprio tutti i cantanti che si sono affacciati alla canzone milanese hanno interpretato questa meravigliosa canzone.

Anche noi, Nadine & Marcus, ci abbiamo provato, a modo nostro, con il nostro stile e senza togliere nulla alla versione originale.

“Ma mi” è una canzone scritta da Giorgio Strehler dopo la sua esperienza nella Seconda Guerra Mondiale, prima nell’esercito e poi come rifugiato in Svizzera.

Il brano è scritto in lingua milanese e racconta la prigionia di un partigiano nel carcere di San Vittore e la sua ferma resistenza.

Sembra che sia autobiografica in quanto Strehler fu arrestato dai nazifascisti nel 1944 e lo tennero in prigione a San Vittore, per una settimana.

Per questo motivo sarebbe più giusto collocarla tra le canzoni partigiane piuttosto che tra quelle della mala.

La canzone è stata cantata per la prima volta da Ornella Vanoni nel 1959, e ripresa anche a Enzo Jannacci nel 1964.

In televisione si ricorda l’esegesi della canzone fatta dallo stesso Strehler insieme a Milva che la interpretava. La trasmissione si chiamava “Dedicato a Milva” del 1974.

Giorgio Strehler: attore e regista teatrale nacque a Trieste nel 1921 ma venne ben presto a Milano e nel 1940 si diplomò all’Accademia dei Filodrammatici.

Il suo segreto nella regia era un suo particolare mix nell’uso dello spazio scenico, nei ritmi di recitazione e nell’ illuminazione.

Fu Parlamentare europeo e senatore con il Partito socialista Italiano.

Milva: è lo pseudonimo di Maria Ilva Biolcati. E’ nata a Goro (FE) e ha avuto una carriera internazionale, in particolar modo in Germania e in Francia.

Negli anni sessanta veniva soprannominata la pantera di Goro.

Quando conobbe Strehler la sua carriera artistica si focalizzò sul teatro diventando, sotto la guida dello stesso Strehler, la maggior interprete italiana di Bertol Brecht.

Fu anche una cantante impegnata e celebri divennero due suoi dischi “Canti della Liberta” e “Milva canta Brecht”.

Servizio Precedente

Volevano scaricare Immuni ma sbagliano app: bufera di commenti negativi sull'inconsapevole software house straniera

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Burioni si ritira dalla TV

Ultime notizie su Storia e Territorio