L’uva fogarina cremonese

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – L’uva fogarina è una canzone popolare di origini cremonesi di fine ‘800.

La “Fogarina” era un vitigno che produceva un tipo di uva di color rosso rubino che oggi è quasi scomparsa e che veniva usata per tagliare, migliorandoli, i vini fatti con uve di minor valore.

Il suo luogo di origine era la Bassa Reggiana (Reggio Emilia).

Veniva raccolta a fine stagione.

La vendemmia era per tutti un momento di festa e di passaggio tra una stagione e l’altra.

In passato i cambi stagione venivano sempre festeggiati nel mondo contadino e quindi fu scritta una canzone proprio per questa occasione: il passaggio tra l’estate e l’autunno.

Per un lungo periodo questa canzone è stata snobbata e trascurata, ma il Duo di Piadena, negli anni ’70 l’ha riproposta in TV e nei loro concerti facendogli riguadagnare il suo giusto posto nella storia della Tradizione Cantata.

Nadine & Marcus ve la ripropongono con uno spruzzo di salsa lirica.

TESTO

Oh com’è bella l’uva fogarina oh com’è bello saperla vendem-miar

a far l’amor con la mia ohi bella a far l’amore in mezzo al prà.

Fi-lar no la vol filar cusir non lo sa far

il sol de la campagna il sol de la cam-pagna

Filar no la vol filar cusir non lo sa far

il sol de la campagna la dis che’l ghe fa mal.

Teresina imbriacona poca voeuja de lavo-rà

la s’è tolta ona vestaja la gh’ha ancora de pa-gà.

Fi-lar no la vol filar cusir non lo sa far

il sol de la campagna il sol de la cam-pagna

Filar no la vol filar cusir non lo sa far

il sol de la campagna la dis che’l ghe fa mal.

Oh com’è bella l’uva fogarina oh com’è bello saperla vendem-miar

a far l’amor con la mia ohi bella a far l’amore in mezzo al prà.

Diridin din din, diridin din dìn diridin din din, diridin din din

Diridin din din, diridin din dìn diridin din din, diridin din din

Photo by Maja Petric

Servizio Precedente

L'INTERVISTA - Lincetto, dalla musica in rete non guadagnano gli autori ma chi la svende

Prossimo Servizio

Meno tamponi in Lombardia, Piemonte e Liguria dove c'è il triplo dei contagi. Ma "non abbiamo sbagliato niente"

Ultime notizie su Storia e Territorio