Luciana Rossi, la canzone milanese al femminile

Lettura 3 min

di Marcus Dardi – La storia della canzone milanese annovera molte donne tra i suoi esponenti di rilievo.

Tra le protagoniste attuali, Luciana Rossi è l’esponente più attivo ed importante che calca ancora palcoscenici e televisioni. Senza recar offesa a nessuno, possiamo senz’atro definirla anche “La Regina della Canzone Meneghina”.

Nata in territorio insubre, a Briona (NO), ha frequentato il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano dove si è diplomata in chitarra classica.

Oggi è cantante, chitarrista, compositrice e insegnante di musica e canto.

Il suo debutto è avvenuto a 18 anni al Nuovo Refettorio di Milano. Lì ha avuto il piacere e l’onore di cantare nello spettacolo “Ho creduto nell’amore”, scritto da Gianni Magni (ex membro de I Gufi), con Franco Califano e con Zuzzurro e Gaspare.

Al fianco di Marisa Rampin, ha lavorato, in qualità di attrice, al famosissimo “Derby” di Milano, dove ha conosciuto tutto il Gotha del Cabaret e della Canzone milanese degli anni ’60 e ’70.

Si è esibita al Teatro Ciack e in moltissimi altri locali di Milano, quando Milano era ancora culturalmente molto attiva.

Luciana ha portato le sue canzoni anche oltralpe esibendosi a Montecarlo, Basilea, Londra e persino fino a Sydney.

Anche all’estero ha ricevuto sempre forti consensi.

Il teatro dialettale di qualità l’ha vista attiva protagonista insieme a Piero Mazzarella e al Tognella. Insieme a questi pilastri del teatro meneghino Luciana ha lavorato per diverse stagioni.

Ha partecipato numerose volte al “Premio Giovanni D’Anzi” vincendolo, nel 2010, con la canzone “Però numm se voeurom ben”.

Oltre al premio D’Anzi ha partecipato ad altri concorsi importanti come:

“Milano Canta”, “Festival di Milano”, “Cantem Insemma”, “Premio Brianza – Ambrogio Caiani”.

Durante la sua carriera artistica è stata insignita di numerosi riconoscimenti e premi, quali tra i quali ricordiamo: “l’Arena d’oro di Verona”, nel 1980, come “miglior artista di Cabaret” e “l’Ala d’oro del successo”, nel 1982, in coppia con Marisa Rampin.

Durante la sua lunga carriera ha scritto anche canzoni per altri artisti tra i quali “I Cantamilano” e ha composto anche diversi brani strumentali.

Ha lavorato per la RAI, insieme a Fabrizio Frizzi nel programma “Fresco Fresco”, ed in diverse emittenti private italiane come Telemontecarlo, Telelombardia, Antenna 3, Telecity, Tele Etna (con Daniele Piombi), Tele Imola (con Luciano Tajoli) ed altre ancora.

Partecipa alle trasmissioni “Canta Lombardia” e “Sota el Ciel de Lumbardia” su Antenna 3.

Per anni si è esibita, singolarmente e assieme ad altri artisti, in piazze e locali d’Italia con spettacoli di revival, show di cabaret, musica in dialetto milanese e laghè.

Ecco perché, con una così brillante carriera, possiamo definirla simpaticamente e amorevolmente “La regina della canzone meneghina”.

Video – Però num se voeurom ben

Servizio Precedente

Immigrazione, quando Ellis Island era la porta d'America

Prossimo Servizio

Niente cenone ma è crack da mezzo miliardo per ristoranti e alberghi

Ultime notizie su Storia e Territorio