La campana di San Giusto

Lettura 3 min

di Marcus Dardi – La Campana di San Giusto, conosciuta anche come le ragazze di Trieste è un brano decisamente patriottico. Oggi è un termine che sorprende, ma un tempo per la Patri si scrivevano libri, poesie canzoni e si moriva per difenderne la libertà.

Questa canzone fu composta a Torino nel 1915 da Giovanni Drovetti per il testo su musica di Colombino Arona.

Venne eseguita per tutto il corso della prima Guerra Mondiale.

Ebbe il suo momento di maggior successo il 5 novembre 1918, con la vittoria e l’ingresso a Trieste delle truppe italiane.

Per amor di Patria ricordiamo che l’Italia è entrata nella prima guerra mondiale per riavere il trentino Alto-Adige e la Venezia Giulia. Prima si schierò con la triplice alleanza (Germania, Austria-Ungheria e Italia) poi quando il nostro governo si accorse che gli alleati non intendevano restituirci i territori reclamati si alleò con gli Stati dell’Intesa.

I rapporti tra l’Italia e l’impero Austro-Ungarico non sono mai stati buoni e continuarono ad essere tesi anche dopo la nostra terza guerra d’indipendenza. Quando poi Vittorio Emanuele III sposò la Principessa Elena di Montenegro nel 1986, gli austriaci incominciarono a temere l’accresciuto potere dell’Italia.

Il colle di San Giusto è il centro storico di Trieste.

Il brano fa riferimento proprio a una delle campane della cattedrale di San Giusto che si trova in cima all’omonimo colle.

Questa canzone fu cantata da Enrico Caruso, Claudio Villa, Luciano Pavarotti e da Nadine & Marcus.

TESTO

Per le strade, per le rive di Trieste,

suona e chiama di San Giusto la campana.

L’ora suona, l’ora suona non lontana,

che più schiava non sarà.

Le ragazze di Trieste, cantan tutte con ardore:

Oh Italia, oh Italia del mio cuore

Tu ci vieni a liberar.

Le ragazze di Trieste, cantan tutte con ardore:

Oh Italia, oh Italia del mio cuore

Tu ci vieni a liberar.

Avrà baci, fiori e rose la marina,

la campana perderà la nota mesta.

Su San Giusto sventolar vedremo a festa

il vessillo tricolor.

Le ragazze di Trieste, cantan tutte con ardore:

Oh Italia, oh Italia del mio cuore

Tu ci vieni a liberar.

Le ragazze di Trieste, cantan tutte con ardore:

Oh Italia, oh Italia del mio cuore

Tu ci vieni a liberar.

Per le strade, per le rive di Trieste,

suona e chiama di San Giusto la campana.

L’ora suona, l’ora suona non lontana,

che più schiava non sarà.

Le ragazze di Trieste, cantan tutte con ardore:

Oh Italia, oh Italia del mio cuore

Tu ci vieni a liberar.

Photo by Daniele Bucciarelli 

Servizio Precedente

La legge sull'omofobia è la nuova arma del politicamente corretto?

Prossimo Servizio

Elezioni a settembre. Perché sono incostituzionali

Ultime notizie su Storia e Territorio