La Bella lava al fosso, dal 1600 la tradizione del mercato popolare

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – E’ una canzone popolare antica di cui non si riesce a stimare un epoca precisa.
Il ritornello “ravanei, remulass, barbabietole e spinass” infatti sembra provenire dal 1600 e rievoca i venditori al mercato che con queste parole attiravano la clientela.

Il richiamo della clientela, nei mercati della Venezia dei Dogi, veniva fatto, a partire dal X secolo, dai saltimbanchi, persone appositamente incaricate dai mercanti per saltare sul banco e richiamare i clienti.
I saltimbanchi per fare a gara tra di loro e per aumentare l’efficacia del loro operare iniziarono ad indossare delle maschere, dei costumi e a fare delle piccole scenette recitate.
Da questo stratagemma commerciale nel XV circa nacque poi la Commedia dell’Arte che venne esportata da Venezia, in tutta Europa.
Eco che apparvero le prime maschere, da Arlecchino a Colombina, da Pantalone a Pulcinella. Piano piano ogni città creò la sua o le sue maschere che la rappresentavano. A Milano abbiamo Meneghino e Cecca, a Torino Gianduia e Giacometta, a Bologna il Dott. Balanzone, a Firenze Sentarello, a Roma Rugantino ecc…..

A volte una canzone popolare, che può sembrare a prima vista sempliciotta e banale, contiene invece una grande storia, come ogni popolo, come ogni persona.

Default thumbnail
Servizio Precedente

E se fossero queste le mascherine che dovremmo indossare?

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Emilia Romagna: rientro operatori asintomatici su base volontaria. Infermieri: follia

Ultime notizie su Storia e Territorio