I casoncelli, la mezzaluna del 1400

Lettura 1 min

di Marcus Dardi – I casoncelli sono un piatto tipico della Lombardia orientale, sono infatti tipici delle provincie di Bergamo, Brescia e di Cremona. Questo piatto è però presente anche in Veneto.

Appartengono alla famiglia delle paste ripiene, come tortellini, agnolotti e ravioli.

L’origine del nome sembra provenire dal latino “caseus” cioè formaggio. Infatti il tipo di formaggio e di ingredienti scelti sono il segreto delle diverse varianti.

Esistono infatti i casoncelli alla bergamasca, alla bassa bresciana, quelli veneti, quelli cremaschi e quelli della Val Camonica.

La pasta ha una tipica forma a mezza luna.

Il ripieno è costituito da: carne, grana padano grattugiato ed erbe aromatiche.

A Crema invece il ripieno contiene anche amaretti.

Il tutto viene condito con abbondante grana padano grattugiato, burro, pancetta e salvia.

Cenni storici:

le più antiche documentazioni relative a questo piatto sono di epoca medioevale, anche il loro ripieno dolciastro è caratteristico dei cibi di quell’epoca. Una documentazione rinvenuta che parla dei casoncelli è del 1386.

Sotto il dominio veneziano, della parte est dell’attuale Lombardia, il ripieno dei casoncelli si arricchì di altri gustosissimi ingredienti come spezie e amaretti.

Consiglio dello chef.

Andrebbero gustati almeno una volta al mese al pranzo della domenica. Buon Appetito

Servizio Precedente

50 anni di Regioni. Il federalismo interno incompiuto

Prossimo Servizio

In 400 al drive-in del sindaco e medico di Santa Lucia di Piave: il comizio di Riccardo Szumski. "Basta false promesse e verità a senso unico"

Ultime notizie su Storia e Territorio