Comme Facette Mammeta a Piedigrotta

Lettura 3 min

di Marcus Dardi – Tra le più celebri canzoni del repertorio classico della canzone napoletana troviamo la famosissima: Comme Facette Mammeta.

La musica fu scritta da Salvatore Gambardella mentre le parole sono di Giuseppe Capaldo.

Correva l’anno 1906.

Questa canzone si classificò seconda al festival di Piedigrotta. Il Festival di Piedigrotta è l’antesignano del Festival della Canzone Napoletana.

In antichità in quel luogo, dove vi è una galleria, la crypta Neapolitana, si svolgevano riti pagani e gare di poesia, musica e canto. La leggenda dice che persino l’imperatore romano Nerone propose lì la sua arte in una poco certa esibizione.

Il vero festival però ebbe la sua inaugurazione ufficiale l’8 settembre 1835 con la canzone “Te voglio bene assaje”. Ma oltre alle canzoni al Festival di Piedigrotta si proponevano anche tarantelle, danze e macchiette comiche.

Piedigrotta è oggi una zona di Napoli vicina al porto di Mergellina.

TESTO
Quanno mammeta t’ha fatta, quanno mammeta t’ha fatta,
vuo’ sape’ comme facette? Vuo’ sape’ comme facette?
Pe’ ‘mpasta’ sti’ ccarne belle…pe’ ‘mpasta’ sti’ ccarne belle…
tutto chello che mettette…Tutto chello che mettette?

Ciento rose ‘ncappucciate dint’ a’ martola mmiscate:
latte e rrose, rrose e latte, te facette ‘ncopp’ ‘o fatto.
Nun c’e’ bisogno ‘a zingara, p’ ‘addivina’ Cunce’,
comme t’ha fatto mammeta, ‘o saccio meglio ‘e te.

E pe’ fa sta vocca bella, e pe’ fa sta vocca bella
nun servette ‘a stessa addosa…nun servatte ‘a stessa addosa…
Vuo’ sape’ che ‘nce mettette?…Vuo’ sape’ che ‘nce mettette?…
Mo te dico tuttocosa mo te dico tuttocosa:

‘Nu panaro chino chino, tutt’ ‘e fravule ‘e ciardino
miele, zucchero e cannella… pe ‘mpastà sta vocca bella.
Nun c’e’ bisogno ‘a zingara, p’ ‘addivina’ Cunce’,
comme t’ha fatto mammeta, ‘o saccio meglio ‘e te.

E pe’ fa sti ttrezze d’oro, e pe’ fa sti ttrezze d’oro
mamma toia s’appezzentette, mamma toia s’appezzentette.
Bella mia tu qua’ muneta? Bella mia tu qua’ muneta?
Vuoi sape’ che ‘nce srvette? Vuoi sape’ che ‘nce servette?

‘Na miniera sana sana tutta fatta e filigrana
‘nce vulette, pe’ sti ttrezze ch’a vasa’ nun ce sta prezze.

Nun c’e’ bisogno ‘a zingara, p’ ‘addivina’ Cunce’,
comme t’ha fatto mammeta, ‘o saccio meglio ‘e te.

Servizio Precedente

Roma non cambia neppure di fronte ad una emergenza

Prossimo Servizio

IMU turistica: altra supercazzola

Ultime notizie su Storia e Territorio