Ave Maria di Schubert? Cercala nella Dama del Lago

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – L’Ave Maria di Schubert è senza alcun dubbio l’Ave Maria più famosa e conosciuta dal grande pubblico.

Forse però non tutti sanno la sua storia, e vale la pena di raccontarla poiché è molto avvincente.

La musica di quest’aria fu scritta da Franz Schubert nel 1825 e faceva parte di sette Lieder (canzoni) su poema di Walter Scott tratti dal poema La Dama del Lago (The Lady from the Lake).

Il titolo originale del brano era Ellens dritter Gesang (La terza canzone di Ellen).

La protagonista Ellen Douglas canta nell’opera una preghiera rivolta alla Vergine Maria, invocando il suo aiuto per la salvezza di suo padre.

Questa musica fu poi usata per musicare l’Ave Maria e divenne da subito graditissima e famosissima.

Altre spiegazioni dicono che la canzone sia legata ad un grave fatto. Si suppone che lo stesso Schubert era innamorato di una sua vicina di casa. Questa Signora aveva diversi corteggiatori ed uno di loro, per un impulso di rabbia o gelosia, le ammazzo il marito. Si dice allora che Schubert, che aveva composto la musica e scritto dei versi dedicati a questa donna, ritirò la canzone e la mise nascosta in un cassetto. La ripescò anni dopo e adattò la musica al testo dell’Ave Maria in latino.

A parte le teorie scandalistiche inventate o no, molti vescovi vietano di suonare e cantare questa Ave Maria all’interno delle funzioni religiose.

Il motivo per cui questa Ave Maria non viene cantata durante le funzioni, generalmente ai matrimoni, è perché viene identificata come canto religioso ma non liturgico poiché le musiche sono state composte per finalità profane.

Comunque è sempre a discrezione del sacerdote che celebra la funzione.

Altre ave Maria famose sono: quella di Bach/Gounod, Caccini, Offenbach e quella di Giuseppe Verdi.

Video: https://www.youtube.com/watch?v=KY2o5i3mwpQ

TESTO:

Ave Maria, Grazia Plena

Maria Grazia Plena, Maria Grazia Plena

Ave, ave Dominus, Dominus tecum

Benedica tui mulieribus, et benediictus

Benedictus fructus, fructus ventris

Ventris tui Jeusus

Ave Maria.

Servizio Precedente

Ci ripensano: mascherine a 61cent. Arcuri: non sono io a doverle procurare

Prossimo Servizio

Il virus non ha distrutto l'economia. A questo c'ha pensato il governo

Ultime notizie su Storia e Territorio