Verso obbligo vaccinale anche per altre categorie. E Pregliasco: Un lockdown aiuterebbe a fermare il picco di contagi

Lettura 1 min

Una eventuale ulteriore estensione dell’obbligo vaccinale a particolari categorie di maggiore contatto col pubblico. Potrebbe essere questa una delle riflessioni – secondo quanto si apprende da fonti informate – sul tavolo della prossima Cabina di regia prevista per il 23 dicembre. L’eventuale valutazione sarebbe fatta anche sulla base dei risultati della nuova indagine rapida (flash survey) decisa dal ministero della Salute per stimare la prevalenza della variante Omicron in Italia, che sara’ effettuata lunedi’ 20 dicembre.

 La nuova variante Omicron “è già arrivata e si diffonderà, dobbiamo trovare dei modi per mitigare e diluire l’impatto sulla curva dei casi e assorbire al meglio le conseguenze, per questo tutti gli interventi possono aiutare e anche un lockdown ci permetterebbe di gestire meglio l’impatto. Capisco che non è facile ma dobbiamo essere flessibili”. Lo spiega all’Adnkronos Salute il virologo Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano. Sulla possibilità invece di preferire l’introduzione immediata dell’obbligo vaccinale, Pregliasco avverte che “occorre avere la forza e procedere poi con la fattibilità nell’eseguirlo, non è facile”.

Servizio Precedente

Turismo, regna l'incertezza. Vuote 6 camere su 10

Prossimo Servizio

Bassetti: Pensare a obbligo vaccino per over 40 e multa dopo il 9 gennaio per chi rifiuta la dose

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…