Variante Delta, iniziamo a respirare ma Oms agita già lo spettro di una impennata di contagi

Lettura 1 min

 “La nuova variante di preoccupazione Delta” di Sars-CoV-2, identificata per la prima volta in India, “mostra una maggiore trasmissibilità e una certa fuga immunitaria” ed è “pronta a prendere piede, mentre” ancora oggi “in molti tra le popolazioni vulnerabili di età superiore ai 60 anni rimangono non protetti” dal vaccino. Lo ha sottolineato Hans Kluge, direttore dell’Ufficio regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l’Europa, durante il consueto aggiornamento sulla situazione Covid nell’area. “Siamo stati già” in una fase simile “prima. Durante la scorsa estate, i casi sono gradualmente aumentati nelle fasce di età più giovani, per poi spostarsi in quelle più anziane, contribuendo a una devastante ripresa, a lockdown e perdite di vite umane, nell’autunno e nell’inverno del 2020. Non ripetiamo questo errore”, ha chiesto Kluge. 

Servizio Precedente

Biden, monito a Johnson su confine tra le due Irlande: negozi con Bruxelles

Prossimo Servizio

L'Europa nega la mafia: Italia tolga ergastolo ai boss anche se non collaborano con la giustizia

Ultime notizie su Scienza