Svezia, per epidemiologo governo le mascherine non servono

Lettura 1 min

Paese che vai, teoria che trovi. Se le mascherine, in Italia e altri paesi europei sono considerate indispensabili, non così si può dire per la Svezia. Per Anders Tegnell, infatti, l’epidemiologo della strategia anti Covid svedese, le mascherine non hanno una grande utilità nell’arginare il contagio da coronavirus.

“Le mascherine possono essere necessarie in alcune situazioni”, ha affermato Tegnell in conferenza stampa, “queste situazioni non si sono ancora verificate in Svezia, a quanto risulta dai nostri contatti con le autorita’ sanitarie regionali”.

“E’ molto più importante mantenere la distanza che indossare la mascherina”, ha aggiunto l’epidemiologo, secondo il quale ci sono prove insufficienti dell’efficacia dei dispositivi di protezione individuale. Tegnell è l’architetto della peculiare strategia di Stoccolma, che non ha imposto alcun blocco delle attività e ha varato restrizioni molto limitate in risposta alla pandemia. La Svezia giovedì ha registrato 6.485 nuovi casi e 35 decessi, che portano a 7.007 il totale delle vittime della pandemia nel Paese scandinavo. Il tasso di mortalità è maggiore di quello di altre nazioni del Nord ma inferiore rispetto ad altri Paesi europei che hanno optato per il lockdown.

Photo by Vera Davidova

Servizio Precedente

Ci tengono così tanto alla nostra salute che slitta ancora l'assegnazione dei medici alle specializzazioni

Prossimo Servizio

Stati Usa verso causa antitrust contro Facebook

Ultime notizie su Scienza