Stop a vigile attesa – “Non deve esserci una sentenza per dire a un medico di visitare i pazienti. E’ la loro missione”

Lettura 4 min

“Sentenza o meno, ad oggi il medico ha la capacità, e deve averla, di visitare il paziente, perché esiste prima il malato e non la malattia, e questo tutti i medici lo hanno fatto durante questi mesi di pandemia. Al di là del Consiglio di Stato e del Tar, i medici ci sono stati”. E’ quanto dichiara Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, ai microfoni di Radio Cusano Campus nel programma ‘L’Italia s’è desta’. “Ci sono varie tipologie di intervento- prosegue Magi- anche attraverso le Uscar che vengono attivate dal medico di famiglia a seconda del paziente e della sintomatologia. Ci sono però ulteriori distinzioni nelle cure domiciliari per i pazienti Covid: chi è vaccinato e chi non lo è, questi ultimi vanno trattati diversamente perchè non hanno protezione dal vaccino. E’ anche vero che i vaccinati sono però di più”. “In questi giorni il ministero della Salute ha elaborato le linee guida per il rinnovo dell’assistenza territoriale, dovrebbe essere firmato l’accordo con i medici di base, il famoso decreto 71- annuncia Magi- che governerà le case di comunità e le equipe di medici di diversa specialità che concorrono alla gestione della medicina territoriale. Il Pnrr ha dato la possibilità già ora per poter riorganizzare queste attività fondamentali sul territorio. Un esempio di cosa significa stare senza? La Lombardia, che è la più colpita dalla crescita dei casi, questo perché manca una medicina del territorio, anche se ci sono le delibere. Entro giugno la medicina territoriale dovrà comunque essere riorganizzata su tutto il territorio, in ballo ci sono 23 milioni di euro- avverte il presidente dell’Omceo Roma- I medici, in ogni caso, sono liberi di fare prescrizioni, seguiamo però le linee guida sui farmaci a pagamento, in fascia di esenzione, o i farmaci non approvati. Le linee guida in fase iniziale, momento in cui c’era molta confusione, non andavano bene ora, con l’aggiornamento, ci sarà più chiarezza”.

 Per quanto riguarda le visite a casa, Magi specifica: “I medici devono andare dal paziente ma durante la pandemia i numeri di richieste sono aumentate, per questo sono nate le Uscar, che hanno supplito a questo aspetto. I medici devono continuare a curare tutti i pazienti, ma se c’è qualche collega che non si è comportato in maniera corretta deve essere verificato. In questi anni però la medicina è stata ospedalocentrica e bisogna evitare di riportare di nuovo tutte le risorse sugli ospedali: la sanità è unica”. “I numeri regionali del Covid, per il Lazio, ci dicono che sulle terapie intensive siamo abbastanza stabili, salgono un po’ i ricoveri, però stiamo riempiendo gli ospedali e questo significa che non riusciamo a curare le persone con le altre patologie” ricorda Magi. Rispetto al tema dei medici no-vax, il presidente dell’Omceo Roma ammette che ce ne sono “ma sono pochissimi. Il problema sono coloro, tra i colleghi, che rifiutano l’obbligo del vaccino e non il vaccino stesso. Il ministero della Salute ha dato accesso alla FnomCeo per verificare gli elenchi sui colleghi non vaccinati, ma noi riteniamo che questi dati non siano ancora verificabili e abbiamo chiesto quindi l’accesso all’anagrafe vaccinale. Sono sicuro che questo problema si risolverà velocemente, anche perchè da febbraio arriverà il Novavax, il vaccino proteico, che potrebbe convincere anche i pochi medici ancora restii” conclude Magi.

Foto di Marcelo Leal

Servizio Precedente

E se il piano B di Berlusconi senza il Colle fosse trovare il pretesto per sganciare gli "alleati" e diventare il federatore del futuro Centro nel Governo 2023?

Prossimo Servizio

Frenano i contagi ma rischioso "derubricare" gli asintomatici dai casi regionali

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…