Sanità 4.0: un robot umanoide al reparto pediatria di Taranto

Lettura 1 min

Il reparto di Pediatria dell’ospedale SS Annunziata di Taranto accoglie un infermiere umanoide a misura di bambino. Si chiama Aphel ed e’ un ‘social robot’ in grado di comprendere, conversare, relazionarsi, muoversi autonomamente e reagire alle emozioni. L’Asl spiega, come riporta l’agenzia dell’ANSA che, dopo le opportune configurazioni, il robot e’ in grado di riconoscere l’arrivo di un nuovo paziente in sala d’aspetto, di avvicinarsi, presentarsi e porgere una serie di domande preliminari, indispensabili per il processo diagnostico.

Può anche accompagnare fisicamente l’utente nella sala dove effettuare l’esame diagnostico o la visita specialistica. Il robot registra i dati forniti ed elabora in tempo reale una scheda personale sulla base dei parametri del paziente, che il medico dovra’ esaminare e validare. “Il robot – precisa l’Azienda sanitaria locale – si muove tra i corridoi e le stanze del reparto di Pediatria del nosocomio tarantino, cercando di garantire una permanenza serena ai piccoli pazienti, facendo loro compagnia, interagendo e donando loro qualche sorriso. La sanita’ 4.0, di cui Aphel e’ un prodotto, e’ utile, divertente, smart e costituisce, inoltre, un ottimo sistema per razionalizzare le spese sanitarie e migliorare la qualita’ del lavoro di medici e infermieri”

Servizio Precedente

VIDEO / Flashmob senza mascherina dentro un centro commerciale in Florida

Prossimo Servizio

Sicuri non esista più il delitto d'onore? La violenta, sconto di pena perché lei lo tradiva. Insomma, se l'è andata a cercare?

Ultime notizie su Scienza