Salita contagi, anestesisti: cresce pressione sui reparti. No vax non hanno imparato la lezione

Lettura 1 min

“Siamo nella quarta ondata. Ora, mentre l’andamento dei contagi è in una franca progressione esponenziale e la curva cresce, abbiamo il dato relativo ai ricoveri ordinari e in terapia intensiva che sostanzialmente cresce in modo lineare. Però è ragionevole supporre che la variante Omicron, molto più contagiosa, farà aumentare i casi quindi i ricoveri e ci sarà una pressione maggiore sui reparti. Nel breve-medio periodo prevediamo che ci sarà una crescita consistente ma non tale da creare situazioni di grande criticità”. Lo afferma all’Adnkronos Salute Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione ANESTESISTI rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac). A preoccupare molto gli ANESTESISTI che vedono tanti casi disperati in rianimazione, sono i milioni di italiani non vaccinati. “E’ mancato l’ apprendimento della lezione, in una fascia di persone, che chi non è immunizzato è una serbatoio per la riproduzione del virus. Oggi – osserva Vergallo – chi non è vaccinato ha un rischio 3 volte più alto di una progressione seria di malattia. E’ inaccettabile”. 

Servizio Precedente

Analfabeti sanitari, il 23% in Italia

Prossimo Servizio

Appello per l'autodromo di Monza, Sangalli: Sostenerlo nel circuito di Formula Uno altrimenti è crisi

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…