Palù: Sapremo origini Covid se Cina romperà il silenzio

Lettura 1 min

Sul Covid “non sappiamo se lo ‘spill over’ sia stato naturale oppure si sia trattato di un incidente. Non lo sapremo finche’ i cinesi non romperanno il silenzio”: lo ha spiegato il virologo e presidente dell’Aifa, Giorgio Palu’, che in un’intervista al Corriere della Sera ha illustrato il suo libro “All’origine, il virus che ci ha cambiato la vita”. I cinesi, ha ricordato Palu’, “non hanno voluto consegnare i registri di laboratorio, ne’ dato risposte agli inviati dell’Oms, l’organizzazione mondiale della sanita’” Per il virologo ci sono “tanti interrogativi, non si e’ trovato l’ospite animale intermedio che avrebbe fatto da ponte tra pipistrello e uomo. Questo virus non infetta piu’ i chirotteri, quindi qualcosa e’ accaduto”. Per Palu’ e’ necessario istituire “un’organizzazione europea per rispondere a queste emergenze, come in Usa”. “Ora esiste, ma e’ un ufficio burocratico”, ha osservato, “altre pandemie arriveranno. Abbiamo imparato che le calamita’ vanno gestite a livello centrale, non regionale, e che i virus respiratori vanno contrastati seguendo i malati a casa, non in ospedale. La medicina di famiglia va rifondata”. 

Servizio Precedente

Il sindaco di S. Anna di Stazzema: Imbarazzo per posizione Anpi su Ucraina

Prossimo Servizio

Ma quali aiuti di Stato... Le imprese chiedono prestiti per investire

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…