Palù: Non spaventarsi per variante Delta dominante

Lettura 1 min

“È possibile che la variante Delta diventi dominante anche in Italia. Ma non bisogna spaventarsi sebbene sia più contagiosa. Il processo evolutivo di un virus pandemico consiste nell’adattarsi sempre di più alla specie ospite e non nel diventare più virulento, pena la sua stessa estinzione. Capiremo presto se abbiamo a che fare con un ceppo che dà luogo a manifestazioni meno gravi avendo come bersaglio le vie respiratorie superiori, naso e faringe”.

Così il virologo Giorgio Palù, componente del Comitato tecnico scientifico e presidente del cda dell’Aifa, in un’intervista al Corriere della Sera, che raccomanda di non dimenticare “le precauzioni base, soprattutto l’uso della mascherina nei luoghi affollati e al chiuso”. La variante Delta, ricorda Palù, “è uno dei circa 20 ceppi mutanti del Sars-CoV-2 considerati oggetto di preoccupazione. È comparsa a dicembre 2020 in uno Stato nel nord dell’India, pochi mesi dopo è stata la causa di oltre 30 mila casi al giorno a Nuova Delhi anche tra soggetti già guariti e vaccinati”, ma “è un’evoluzione naturale del virus che muta nel suo genoma. Non graviamo questo fenomeno fisiologico di drammaticità anche se i numeri indicano che questa variante ha preso velocemente il sopravvento in Inghilterra, dove è all’origine del 90% dei contagi. In Francia e Germania è al 20%, in Portogallo al 40-50%. In Italia un mese fa era sull’1%. È stata recentissimamente documentata una sua prevalenza intorno al 20% dall’Istituto superiore di sanità”. 

Servizio Precedente

Salvini a Santa Maria Capua a Vetere. Aveva dichiarato solidarietà ad agenti

Prossimo Servizio

Che botta - Da oggi bollette più care: 9,9% per luce e 15,3% per gas

Ultime notizie su Scienza