Palù, Cts: Valutare obbligo per chi svolge funzioni pubbliche

Lettura 1 min

“Partiamo dai numeri di oggi: il 67 per cento della popolazione over 12 e’ vaccinata con due dosi, in terapia intensiva ci sono 466 pazienti e nei reparti ordinari poco piu’ di 3.700. I morti giornalieri sono nell’ordine di alcune decine. Naturalmente dovremo valutare che impatto avranno la riapertura delle scuole e la piena ripresa delle attivita’ su questo scenario, ma l’ampia copertura vaccinale offre garanzie e consente di essere ottimisti”. Lo ha detto, in un’intervista al Corriere della Sera, Giorgio Palu’ presidente dell’Agenzia italiana del farmaco e componente del Comitato tecnico scientifico (Cts).

“Credo – ha aggiunto – che sia necessario interrogarsi sull’opportunita’ di introdurre l’obbligo vaccinale per chi ricopre una funzione pubblica: operatori sanitari, insegnanti, forze dell’ordine e altra categorie. Ricordiamo che la salvaguardia del bene pubblico e’ tutelata anche dall’articolo 2 della Costituzione, secondo cui il diritto individuale non puo’ ledere quello della comunita’. E i vaccini di cui oggi disponiamo, oltre a proteggere l’individuo, sono altamente efficaci nella prevenzione dei contagi: tra il 70 e l’85 per cento. Per quel 25-30 per cento che sfugge anche i vaccinati devono continuare a portare la mascherina in ambienti affollati e al chiuso”. 

Servizio Precedente

Lecco, muore a 40 anni pochi giorni dopo il parto della piccola Sole

Prossimo Servizio

L'autonomia delle valli alpine, i tagliagole della Bastiglia nell'ultimo numero del “Mouvement citoyen des Vois de Savoie”

Ultime notizie su Scienza