Locatelli: A novembre via libera per vaccinazione a under 12

Lettura 1 min

 Questione di pochi mesi ormai, tanto da poter far chiudere il cerchio al governo per il fronte scolastico, anche se il caos grennpass-personale della scuola è ancora più che aperto. Il tema della vaccinazione degli under 18 sta per arrivare al dunque. “Io ritengo che sia necessario vaccinare anche i più piccoli. In Italia, da inizio pandemia, sono morti 28 pazienti di età pediatrica. E di questi 13 avevano meno di 10 anni. Vaccinando i bambini eviteremo focolai anche nelle scuole elementari e dunque il ricorso alla didattica a distanza”.

Così Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico scientifico sui vaccini agli under 12. “Ci aspettiamo l’autorizzazione a novembre, sia Pfizer sia Moderna sono già a buon punto”, ribadisce. Sul fatto che si registrano casi di positivi tra i vaccinati precisa “oggi la maggior parte delle persone ricoverate è non vaccinata o ha ricevuto solo la prima dose. Quanto ci hanno offerto i vaccini, in termini di protezione da patologia grave, è straordinario. Tutti gli studi parlano del 97 per cento di protezione dal rischio di terapia intensiva o decesso. Che il vaccino non dia una copertura totale rispetto al semplice rischio di infezione lo abbiamo sempre detto. Ma ripeto: l’efficacia rispetto al rischio di andare in terapia intensiva o di morire è del 97 per cento”. Infine sulla possibilità di una terza dose per alcune categorie “in questo momento abbiamo tre priorità – evidenzia -: completare la copertura vaccinale degli ultra cinquantenni; dar corso alla protezione della fascia di età 12-18 anni in vista della riapertura delle scuole; prevedere la terza dose per i soggetti immunodepressi”.

Servizio Precedente

Pregliasco: Sarà necessaria terza dose

Prossimo Servizio

Unimpresa, controllo identità Green Pass? Missione impossibile

Ultime notizie su Scienza