Il Patto Trasversale per la Scienza sta chiedendo l’oscuramento di molti canali indipendenti

Non siamo solo in guerra contro il virus, ma c'è anche un conflitto in corso all'interno del mondo scientifico. Da una parte l'autorevole virologo Burioni e un altro fronte che utilizza la visibilità mediatica per dare chiavi di lettura alternative nell'emergenza Covid-19.

/
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Sulla graticola sono finiti il critico d’arte e politico Vittorio Sgarbi, la virologa Mariarita Gismondo, il professore Stefano Montanari, il canale Byoblu di Claudio Messora… e questi sono solo alcuni ma la lista aumenterà probabilmente.

In un periodo come questo, il buon senso e la cautela dovrebbero prevalere, in ogni ambito. Non è giusto procurare falsi allarmismi, né sottovalutare la potenzialità mortale del Covid ma occorre filtrare nel modo corretto anche il pensiero non ufficiale.
Nelle denunce si chiede non la rimozione di certi video, ma la cancellazione di canali interi e di tutti i documenti all’interno, una sorta di tabula rasa.

La libertà di parola e di espressione, è messa a dura prova. Così come la responsabilità sociale dei media che hanno il dovere di verificare, e in modo anche critico, ciò che circola, ciò che viene diffuso. Perché può avere effetti devastanti così come invece salutari. Attendiamo purtroppo i risvolti giudiziari. Ricordando, per parafrasare un celebre fatto di cronaca che mise in ginocchio la Casa Bianca, l’informazione non è al servizio del potere ma sta dalla parte di chi deve essere informato.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Dati e contagi. L'insopportabile leggerezza dell'essere coglionati

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Parla il medico che certifica i morti. "Se fosse evoluzione darwiniana dell'influenza? La natura trova virus più forti"

Ultime notizie su Cultura