I grandi esperti 5/ Crisanti contro Zangrillo: carica virale bassa ma così ci tiriamo dietro virus fino in autunno

Lettura 2 min

di Stefania Piazzo – A tenere banco nel dibattito e nelle polemiche innescate dalle diverse letture del problema Covid sono soprattutto i due big più amati dall’opinione pubblica, che si divide tifando chi per l’uno chi per l’altro. Alberto Zangrillo e Andrea Crisanti sono i protagonisti indiscussi del del dibattito su come uscire dalla pandemia.

In una celebre puntata di Carta Bianca i due studiosi si affrontano su posizioni opposte. Zangrillo da una parte ribadisce che la carica virale nei tamponi è ridotta rispetto al passato, Crisanti afferma che casi gravi in terapia intensiva ne arrivano ancora. Ecco nel link qui sotto alcuni passaggi della trasmissione.

https://www.raiplay.it/video/2020/07/cartabianca-Il-confronto-Crisanti-Zangrillo-virus-meno-aggressivo-ma-resta-il-pericolo-asintomatici–b747249d-3be6-4507-951d-501e9ef764cb.html

Ma non è tutto. Oltre a questo confronto, i due scienziati proseguono così.

«Gli asintomatici sicuramente sono contagiosi – dichiara Crisanti – in questo momento la carica virale è più bassa e chi si infetta non ha bisogno di ospedalizzazione. Ogni giorno però registriamo più di cento casi e per forza questi casi, essendo molto meno le persone malate, devono essere trasmessi da asintomatici. Penso di dover suggerire più cautela: se ci portiamo dietro tutti questi casi anche in autunno è molto probabile che si accenderà il virus».

La risposta di Zangrillo: «Ci vuole il buonsenso, dobbiamo comportarci con buonsenso: la multa del povero ragazzo in panchina non è buonsenso».

Replica ancora Crisanti: «Penso che questo senso di euforia ci induce necessariamente ad abbassare la guardia. E il professor Zangrillo non vorrei che tra due o tre mesi si pentisse di aver in qualche modo indotto a comportamenti meno coerenti con il pericolo che abbiamo passato: il virus c’è ancora». A questo punto il primario del San Raffaele controbatte: «Io non la posso accettare. Io ho solamente detto la verità. Poi se volete richiudere l’Italia in zona rossa da domani fatelo pure».

Servizio Precedente

La lettera appello dei sindaci che chiede solo ai cittadini ancora sacrifici. Ma non chiede a Regione Lombardia i test gratuiti

Prossimo Servizio

Fate parlare la Lamorgese se volete perdere voti

Ultime notizie su Scienza