Crisanti non mette gli sci. “Con 600 morti al giorno pensare alle piste non è da Paese normale”

Lettura 1 min

Parole ruvide, e sempre fuori dal coro per il professor Crisanti. “Rimango senza parole che si parli di sci con 600 morti al giorno. Andare a sciare per divertirsi sapendo che questo causerà un aumento dei contagi e dei morti? Penso che questo non sia un Paese normale”. Lo ha infatti dichiarato a ‘Buongiorno’, su Sky Tg24, Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia dell’università di Padova. “Il problema non è l’impianto da sci, se sanifico le cabine o i sedili delle seggiovie – ha precisato – Il problema è l’assembramento che si crea prima e dopo, la socialità che c’è, gli alberghi pieni”. Riguardo al rischio che gli italiani vadano a sciare all’estero, per Crisanti “bisognerebbe raggiungere un accordo europeo. Servirebbe la responsabilità di altri Paesi, Svizzera, Austria, Francia, peraltro ancora toccati pesantemente”.

Photo by Emma Paillex

Servizio Precedente

Anche la Cei: Gesù può nascere prima. Messe osserveranno nuove norme

Prossimo Servizio

E' morto il giornalista Arturo Diaconale

Ultime notizie su Scienza