Crisanti, i dati delle morti per Covid sono corretti

Lettura 1 min

 Il numero delle morti causate dal Sars-Cov-2 in Italia non sono sovrastimate, anzi, “in genere sono sempre stati sottostimati i decessi da Covid. Io ho abbastanza dimestichezza con la Val Seriana, in Lombardia, dove nella prima ondata sono stati registrati 2.500 decessi da Covid quando invece l’eccesso di mortalita’ e’ stato di 6.500. Le persone dovrebbero ragionare prima di dire baggianate”. Cosi’ ad Agora’, su Rai Tre, Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all’Universita’ di Padova, in merito all’ipotesi che l’alto numero di decessi legato alla pandemia in Italia sia dovuto ad un calcolo sbagliato, che indicherebbe il Covid come causa primaria anche se il soggetto e’ morto, da positivo, per altri motivi. L’affermazione che piu’ del 50% dei morti da Covid sia, in realta’ stata, uccisa da altre condizioni di salute, precisa Crisanti, “non possibile dal punto di vista statistico”. “La maggior parte dei decessi Covid – spiega – riguarda persone di 80-85 anni; la probabilita’ di una persona di questa eta’ di morire, nell’arco di un giorno, e’ di una su mille. L’incidenza dei positivi in quella classe di eta’ e’ 4 per mille”. Quindi, “la probabilita’ che una persona in quella fascia di eta’ muoia per cause indipendenti dal Covid e, allo stesso tempo, sia ‘casualmente’ infettata dal Sars-Cov-2 e’ pari a 4 su un milione. Moltiplicandolo per 2,5 milioni di 80-85enni che abbiamo in Italia si arriverebbe a 10 persone al giorno”.

Servizio Precedente

Solaro, il diplomatico che voleva allargare il Piemonte verso la Svizzera

Prossimo Servizio

Via le mascherine anche al chiuso da aprile

Ultime notizie su Scienza

E ADESSO IL VAIOLO

“A seguito della segnalazione di alcuni casi di Vaiolo delle scimmie in Europa, il…