Bassetti, tamponi allo stadio per vaccinati è cosmesi. Meglio obbligo vaccino

Lettura 1 min

“Io sento in questi giorni le tesi più disparate, come mettere i tamponi obbligatori per andare allo stadio anche a chi ha ricevuto tre dosi di vaccino. Sono tutti provvedimenti cosmetici”. A sottolinearlo è stato Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, intervenuto a ‘Rotocalco 264′ su Cusano Italia Tv. “L’unico provvedimento che bisognerebbe prendere con urgenza sarebbe quello di rendere il vaccino obbligatorio, approfittando di queste due settimane di chiusura delle scuole per vaccinare chi non è ancora vaccinato. Dopodiché bisognerebbe dare la possibilità a tutti di vaccinarsi in strutture aperte senza prenotazione e dire che dal 10 gennaio chi non è vaccinato paga una sanzione. Non si tratta di imporre un tso come qualcuno dice, si tratterebbe di porre una sanzione amministrativa. E’ stato giusto imporre l’obbligo a sanitari, docenti e forze dell’ordine, ma ora più che procedere per categorie di lavoratori, bisognerebbe procedere per fasce d’età, dai 40 anni in su, dove il virus picchia molto duro. Chi ha più di 40 anni per poter uscire e andare a lavorare dovrebbe essere vaccinato. Io come medico dico che ci vorrebbe l’obbligo vaccinale, poi decidere come applicarlo spetta ai politici, almeno qualcosa lo facciano loro”.

Servizio Precedente

Pnnr e la Lega dei Comuni. Santi sovranisti non ne esistono. Chi prega oggi Matteo?

Prossimo Servizio

"Omicron si ferma anche con lo smart working"

Ultime notizie su Scienza