Astrazeneca, Cts: A over 60. Cartabellotta: Indicazioni restano ambigue

Lettura 4 min

Il miglioramento della situazione epidemiologica e la maggiore disponibilita’ dei vaccini a Mrna, tenuto conto del principio di massima cautela, consentono di “rafforzare la raccomandazione” di utilizzare il vaccino di Astrazeneca per i soggetti con piu’ di 60 anni. Sarebbe questo, secondo quanto si apprende, l’orientamento del Comitato tecnico scientifico che dovrebbe essere contenuto nel parere che arrivera’ nelle prossime ore. Gli esperti ribadiranno inoltre che nei soggetti di eta’ inferiore ai 60 anni e’ raccomandata la somministrazione dei vaccini a Mrna. 

 “AstraZeneca, ‘uso preferenziale negli over 60’. Raccomandazione ambigua, interpretazioni differenti”. Lo scrive su Twitter il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. 

 “Quello che noi sappiamo, anche se io non l’ho ancora letto su un documento ufficiale, e’ che gli eventi avversi si sono verificati sempre dopo la prima dose, ecco perche’ il ministero della Salute aveva comunicato che le seconde dosi andavano fatte con il vaccino AstraZeneca a prescindere dall’eta’. E’ ovvio che, se dobbiamo abbandonare del tutto questo vaccino, la campagna vaccinale rallentera’ e qui si apre un altro elemento di valutazione: rallentare la campagna significa porre a rischio un po’ tutta la popolazione, quindi serve una valutazione tra i rischi e i benefici”. Lo ha dichiarato l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, assessore alla Salute della Regione Puglia, intervistato su “24 Mattino” su Radio 24.

Il Comitato di farmacovigilanza Prac dell’agenzia europea del farmaco Ema ha intanto deciso che la sindrome da aumentata permeabilità capillare deve essere “aggiunta alle ‘Informazioni sul prodotto’ come nuovo effetto indesiderato del vaccino anti-Covid di ASTRAZENECA, Vaxzevria*, insieme a un’avvertenza per sensibilizzare gli operatori sanitari e i pazienti su questo rischio”. E’ quanto comunica l’Ema, sulla base delle conclusioni raggiunte dagli esperti dell’ente Ue nel meeting che si è tenuto dal 7 al 10 giugno. Il Prac ha effettuato una revisione approfondita di 6 casi di sindrome da aumentata permeabilità capillare in persone che avevano ricevuto Vaxzevria. La maggior parte dei casi si è verificata nelle donne ed entro 4 giorni dalla vaccinazione. Tre delle persone colpite avevano una storia di sindrome da aumentata permeabilità capillare e uno di loro successivamente è deceduto. Al 27 maggio 2021, nell’Ue/Spazio economico europeo e nel Regno Unito sono state somministrate più di 78 milioni di dosi di vaccino ASTRAZENECA. Le persone che sono state vaccinate con questo prodotto scudo, avverte l’Ema, “devono cercare assistenza medica immediata se manifestano un rapido gonfiore delle braccia e delle gambe, o un improvviso aumento di peso, nei giorni successivi alla vaccinazione. Questi sintomi sono spesso associati alla sensazione di svenimento (a causa della bassa pressione sanguigna)”. Il Prac continuerà a monitorare i casi riferiti alla sindrome e intraprenderà tutte le ulteriori azioni necessarie. 

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, dopo la morte della 18enne vaccinata con Astrazeneca, pubblica su Facebook una lettera inviata dal Cts alle regioni “Il Cts – e’ scritto nella missiva – non rileva motivi ostativi a che vengano organizzate dalle differenti realta’ regionali iniziative, quali i vaccination day, mirate a offrire, in seguito ad adesione/richiesta volontaria, i vaccini a vettore adenovirale a tutti i soggetti di eta’ superiore ai 18 anni”. La lettera, spiega il ‘governatore’ ligure e’ del 12 maggio. “Per tutti coloro che scrivono, raccontano, commentano su radio, tv, giornali, dibattiti politici e che continuano a dire che le Regioni sugli open day di Astrazeneca sono andate per conto loro e in ordine sparso – commenta Toti – ecco la lettera inviata dalla struttura commissariale che dipende da Palazzo Chigi e che riporta in maniera chiara il parere del Comitato Tecnico Scientifico sull’uso del vaccino”,

Servizio Precedente

Morta 18enne: Camilla soffriva di piastrinopenia autoimmune

Prossimo Servizio

Galli: "Più elementi a favore che contro vaccino Pfizer a 12-17enni"

Ultime notizie su Scienza