Tajani: Leader centrodestra è Berlusconi

Lettura 1 min

“Noi avevamo una linea molto chiara: avremmo voluto un presidente di centrodestra, ma dopo la rinuncia di Berlusconi e le divisioni in Parlamento la nostra richiesta è sempre stata quella di un presidente politico”. Quindi no a Draghi, a Belloni, a Cartabia… “Sono persone rispettabilissime e capaci, ma la politica non può abdicare al suo ruolo delegandolo ai tecnici. Draghi è la persona giusta al governo, al Quirinale serviva una figura politica. Non si è trovato l’accordo su una personalità di mediazione come Casini, è stato giusto rivolgersi a Mattarella che ha svolto bene questo ruolo per sette anni. E se è stato possibile arrivare a questa soluzione, è stato per la decisione nostra e di Berlusconi di sbloccare una situazione di impasse pericolosissima”. Così Antonio Tajani — coordinatore e vice presidente di Forza Italia, in una intervista al Corriere della Sera. “Abbiamo detto chiaramente a Salvini e Meloni che la nostra posizione era questa. Poi ogni forza in autonomia fa le sue scelte”.

Ma il centrodestra è a pezzi: esiste più una coalizione, Salvini ne è ancora il leader? “C’è un fondatore del centrodestra, che è Silvio Berlusconi. Poi alle elezioni si vedrà chi sarà il candidato” e “se il sistema elettorale resterà questo, le coalizioni avranno una loro logica. E a parte il fatto che agli italiani il tema della legge elettorale interessa ben poco, io non credo si debba rinunciare al maggioritario e al bipolarismo”. Quindi che significa questo nuovo asse con i partiti centristi e la voglia di FI di muoversi in autonomia? “Significa che crediamo che un’area forte che fa riferimento al Ppe sia indispensabile per governare, oggi e domani. E’ importante che si sia consolidata la collaborazione tra questi partiti”.

E su Casellati, aggiunge, “nessuno può dire che i voti mancanti erano solo dei nostri. So che chi non l’ha votata ha fatto un grave errore”. Quindi ribadisce: “Era il 25 gennaio e già dichiaravo pubblicamente che nessuno avrebbe trattato a nome nostro. Abbiamo individuato candidati quasi tutti di area FI, ci siamo mossi sempre con una posizione chiara e dichiarata e quando gli alleati hanno deciso di non seguirla sono andato io al vertice dei leader a nome dell’area centrista per chiudere l’accordo su Mattarella”.

Servizio Precedente

Truffa sostegni Covid. Create 100 società per percepire 440 milioni di fondi

Prossimo Servizio

Aumento prezzi, ormai la valanga non si ferma più. Governo rincorre le bollette già in salita

Ultime notizie su Politica