SSN, l’Ugl: “Oggi le macerie, condizioni lavoro inaccettabili, cittadini costretti a ricorrere al privato”

23 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“Era il 23 dicembre 1978 quando, con l’approvazione della Legge 883, nasceva il Servizio Sanitario Nazionale, fondato su tre principi: universalità uguaglianza ed equità. Un sistema allora rivoluzionario, sociale, che avrebbe dovuto garantire a tutti, nessuno escluso, cure ed assistenza. Oggi, a distanza di 45 anni, cosa resta del SSN?” si chiede in una nota Gianluca Giuliano Segretario Nazionale della UGL Salute. “Il mondo guardava all’Italia – prosegue il sindacalista – per il carattere universalistico della sua sanità che avrebbe dovuto garantire quel diritto alla salute, inviolabile ed assoluto, scolpito nel’ articolo 32 della Costituzione. Invece oggi siamo di fronte ad un sistema ridotto in macerie, incapace di rispondere alle esigenze dei cittadini. Liste d’attesa interminabili, riduzione dei posti letto negli ospedali, pronto soccorso simili a giorni danteschi, condizioni di lavoro per gli operatori inaccettabili. Gli italiani, inutile nascondersi, non possono più curarsi a meno che non ricorrano al privato. Questo in un paese civile è intollerabile. La folle gestione della sanità degli ultimi decenni, con continui tagli ai fondi e al personale, ha prodotto tutto questo. Ripartire ora è complicato, ma solo attraverso un rilancio che si fondi su una programmazione condivisa e che ponga alle fondamenta gli operatori sanitari potremo tornare a garantire agli italiani, senza distinzione di ceto o reddito, assistenza e cure”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il fisco è diventato più ricco: incassa 28 miliardi in più rispetto al 2022

Prossimo Servizio

Dove vanno i giovani italiani che lasciano il Paese. Parigi e Berlino le città preferite per emigrare

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu