Save Salvini… Qualcuno spieghi al Capitano cos’è la credibilità

29 Aprile 2020
Lettura 1 min

di Franco Colombo – “Save Salvini”, riaprite il Papeete beach, subito! (fermi a commentare esaltati contro Salvini e la Lega o altro… leggete per bene).

Due tre cose sulla comunicazione che Salvini sembra non aver ben compreso: 1) Mettersi degli occhiali con una montatura che neanche la Mia Pro Zia Lietta non dà un’aria più accademica, al limite evidenzia che hai un gusto retrò;

2) Dire andiamo tutti in piazza a protestare quando milioni di cittadini non possono neanche riaprire le proprie attività o andare a lavorare e rischiando per giunta pesanti sanzioni amministrative e penali è come chiedere a Giovanna d’Arco se avesse da accendere durante la sua esecuzione;

3) Oggi sui social ci sono molte più persone e per molte ore al giorno che di solito lavorano, producono, sono attivi nella società e non si accontentano delle solite 2 o 3 sparate che ammaliano il solito gruppone del “Capitano”, sono persone dotate di pensiero critico e che rispondono pure con cognizione di causa se leggono stupidaggini;

4) Usare la nostra Lombardia come un rinoceronte alla carica del Governo è stato un autogoal che neanche il Mitico “Ferri” sarebbe stato capace di confezionare, inoltre in un momento di grande pressione e difficoltà sanitaria e sociale. Dico tutto questo da iper critico del Governo attuale e della sua maggioranza con franchezza, con il solito piglio critico che mi caratterizza e dicendo che se si vuole essere” alternativa credibile” la seconda parola è quella dove si deve lavorare di più. #pensieri #politica #centrodestra

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Fase 2, Zaia apre ma poi mette le mani avanti. Potremmo chiudere ancora se…

Prossimo Servizio

Concorso Disegna le città del futuro. In giuria Gianna Nannini

Ultime notizie su Politica

Sanità, 15 anni di disinvestimenti

  “Questo governo già dal prossimo Def deve fare una scelta coraggiosa: riconoscere l’esigenza più grande di questo Paese, quella di salvare i due pilastri welfare-state, sanità e istruzione, tutto il resto è
TornaSu