Renzi: “Vedrei bene Draghi presidente del Consiglio europeo. La maggioranza Giorgia non esiste più e ci sarà di nuovo la maggioranza Ursula”

24 Novembre 2023
Lettura 1 min

 “Il presidente del Consiglio europeo a me piacerebbe tanto che lo facesse Mario Draghi. Alla presidenza della commissione ragionevolmente andrà un popolare, alla presidenza del parlamento ragionevolmente andrà un socialista”. Lo ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi intervenendo al Festival de Linkiesta a Milano parlando delle elezioni europee. “In Europa io sono per l’elezione diretta del presidente della Commissione, per un esercito europeo, non contro la Nato, per il superamento del diritto di veto, io sono perché gli Stati Uniti d’Europa siano un obiettivo a cui tendere – ha aggiunto -. Di questo bisognerebbe discutere da qui alle prossime elezioni europee. La maggioranza Giorgia non esiste più e ci sarà di nuova la maggioranza Ursula”. 

 “Il presidente del Consiglio ha una squadra non all’altezza e purtroppo di questo ne pagano il prezzo gli italiani”, ha aggiunto. “C’è un ministro, si chiama Adolfo Urso, Urs, per gli amici, che continua a dire che l’inflazione è sotto controllo e che la benzina non è mai stata così bassa. Invito tutti a fare il paragone fra quanto costava la benzina a ottobre del 2022 e quanto costa oggi – ha concluso – Il problema non sono gli Stati stranieri, il problema è che gli italiani si sono visti aumentare le accise rispetto al governo Draghi, cioè la Meloni ha aumentato il costo della benzina e rispetto a Draghi il Paese è lo stesso, Draghi è italiano, la Meloni è italiana”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

PAPA FRANCESCO: «ATTENTI ALLA “CULTURA VETERINARIA”». OIPA: «FORSE GLI ANIMALI NON MERITANO CURE?»

Prossimo Servizio

SBARRA (CISL) : CORRESPONSABILITÀ NELLE SCELTE DI SVILUPPO DEL PAESE

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu