Quando Tognazzi voleva far esplodere il grattacielo Pirelli

Lettura 1 min
agra

di STEFANIA PIAZZO

In un bellissimo film con Ugo Tognazzi, “La vita agra”, proprio lui, l’attore cremonese figlio delle nostre nebbie, dice:  “L’asfalto ha rovinato le rivoluzioni, non ci sono più sassi”. E’ vero, siamo nella polvere, non ci sono più sanpietrini o pietre da lanciare contro il Palazzo, la politica la fa chi non ha i calli. E Tognazzi supera se stesso quando urla con l’ira del giusto  che si sente tradito: “Io vorrei far esplodere il Torracchione”, riferendosi ad un grattacielo di Milano, per vendicarsi dalle miniere chiuse, per fare giustizia dei lavoratori licenziati. Caro Ugo, l’è cambià nigot. Non è cambiato niente. Il Torracchione c’è ancora, anzi, a Milano ne hanno fatti altri di nuovi e ne combinano di ogni…

Mi hanno insegnato che le parole sono “come” pietre. Il “come” è di troppo, i giornali sono pietre, non gli somigliano soltanto. L’informazione può svegliare chi dorme e chi soffre di sonnambulismo, ovvero quasi tutti. Dormiamo a occhi aperti, mentre davanti a noi fanno e disfano. Caro Tognazzi, come sempre illumini la via.

Servizio Precedente

CREMONA nelle foto della grande Betty Poli

Prossimo Servizio

Terremoto 4.2 a Piacenza. Trema anche la Lombardia

Ultime notizie su Politica