PARTITE 4500 LETTERE – Il governatore toscano sospende i medici e sanitari NO VAX. Il Pd si schiera con lui

Lettura 1 min

“Stanno partendo le lettere di sospensione per gli operatori sanitari no vax, in Toscana sono circa 4.500. Chi non intende vaccinarsi non puo’ prendersi cura degli altri”. Cosi’ il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. “Lotterò fino alla fine con coloro che non si vogliono fare il vaccino. Il nostro è un atteggiamento di assoluto rispetto fino al 30 settembre, dopo tiriamo le somme della nostra campagna vaccinale e chi non ha fatto il vaccino non ha più scuse”, ha dichiarato GIANI. “Dopo quella data chi non ha fatto il vaccino sta a casa: queste persone non si provino a venire nei luoghi pubblici perché la loro non vaccinazione per scelta è una cosa inconcepibile nell’economia e nell’interesse di una comunità che vuole superare l’emergenza sanitaria”.

”Sono totalmente d’accordo con il Presidente della Toscana Eugenio Giani. Il personale sanitario no vax non può continuare a svolgere servizio. In pratica possono scegliere: o si vaccinano o cambiano mestiere”. Lo scrive su Twitter il senatore Pd, Andrea Marcucci.

 “La decisione del Presidente della Regione Toscana Eugenio GIANI, con cui si sospendono dal servizio gli operatori sanitari che non intendono vaccinarsi, è sacrosanta e a difesa di tutti. Perché il primo dovere di chi opera nella sanità è tutelare i piú fragili”. Lo scrive su Twitter Andrea Romano anche il deputato livornese del Partito Democratico. 

Servizio Precedente

Lotta al randagismo. Come sono andate (e quante) le ispezioni del ministero della Salute in Calabria negli ultimi tempi? E al Sud?

Prossimo Servizio

L'Ambasciata di Polonia: nessun muro sul confine polacco-bielorusso contro i profughi afgani

Ultime notizie su Politica