Orban contro accordo Ue su asilo e migranti. “Abuso di potere”. Piantedosi: Italia porta a casa patto con il Nord Europa

9 Giugno 2023
Lettura 2 min

 “Bruxelles abusa del suo potere. Vogliono ricollocare i migranti in Ungheria con la forza. Questo è inaccettabile”. Così il premier ungherese, Viktor Orban, su Facebook in merito all’accordo raggiunto ieri al Consiglio dell’Ue sull’immigrazione contro cui si sono espressi Budapest e Varsavia. Il primo ministro ha accusato Bruxelles di voler “usare la violenza per trasformare l’Ungheria in un Paese di migranti”. Il nuovo Patto sulla migrazione concordato ieri in Lussemburgo in realtà non prevede il trasferimento obbligatorio dei migranti ma “il principio di solidarietà”, con contributi economici o altri aiuti.

 “E’ stata una giornata impegnativa. Questo e’ un luogo di mediazione e siamo soddisfatti”. II ministro dell’Interno Matteo Piantedosi parla al “Corriere della Sera” mentre si reca all’aeroporto, al termine di dodici ore di negoziato che hanno portato a un’intesa tra gli Stati membri sui due principali regolamenti nel nuovo Patto per la migrazione e l’asilo. Il ministro spiega com’e’ riuscito a convincere i tedeschi: “E’ stato un negoziato complesso la cui complessita’ era data, proprio dalla materia e dal valore di quello di cui si parlava. Questo e’ un luogo di mediazione tra tanti soggetti e quindi bisognava trovare un punto di equilibrio tra le varie posizioni. Il negoziato finale e’ stato su alcuni punti che ritenevamo fondamentali come quello della definizione dei Paesi terzi con cui poter concludere gli accordi ed e’ accanto passata la nostra linea sulla quale abbiamo fatto convergere tutti i Paesi che avevano fatto blocco su questo”. La Germania era preoccupata della definizione di Paese terzo ‘sicuro’: “L’Italia non ha mai pensato a nulla di diverso che fosse rispettoso della cornice giuridica internazionale, siamo riusciti a tenere la nostra posizione, abbiamo trovato mediazione su altre cose, siamo soddisfatti. E’ una giornata importante ma e’ un punto di partenza. Abbiamo le prospettive di realizzazione quello su cul abbiamo negoziato”.

Un esempio: “Sui temi della solidarieta’ obbligatoria abbiamo preferito non accettare compensazioni in denaro perche’ l’Italia ritiene di avere una dignita’ di Paese fondatore dell’Unione e non abbiamo bisogno di compensazioni in denaro per diventare il centro di raccolta dell’Ue”. “Abbiamo preferito puntare – continua – a un meccanismo che rimane di compensazione da parte dei Paesi che non accettano il ricollocamento dei Migranti… e che le relative risorse vadano a finanziare un fondo appositamente istituito e gestito dalla Commissione Ue per realizzare progetti di quella cosiddetta dimensione esterna che per la prima volta viene concretizzata in atti dell’Ue e su cui ha sempre fatto pressione il governo Meloni da quando si e’ insediato in tutte le sedi possibili”.

 Piantedosi osserva inoltre che “abbiamo accettato la sfida delle procedure di frontiera, anzi le abbiamo anticipato perche’ con il decreto legge approvato a Cutro le abbiamo previsto e abbiamo ottenuto un sostegno finanziario e’ un sostegno logistico dall’Ue per la corretta realizzazione di queste procedure. C’e’ poi una clausola di rinegoziazione di uno o due anni a seconda dei vari oggetti: se ha funzionato si rinnova l’intesa o viceversa si cambia”. Ad certo punto – racconta il ministro – sulle posizioni dell’Italia si era creato un blocco di Paesi che ci avevano seguito sulle nostre perplessita’ e non era il solito schema del Mediterraneo contrapposto ai Paesi del Nord ma erano Paesi variamente distribuiti a livello geografico. Poi si e’ trovata la mediazione sui punti che noi abbiamo posto e anche questi Paesi hanno ritenuto di accedere alla mediazione e hanno votato a favore quasi tutti. L’Italia e’ stata centrale in una discussione importante”, ha concluso Piantedosi. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La lettera della magistratura ordinaria:

Prossimo Servizio

Processo Open Arms, Salvini all’Ucciardone

Ultime notizie su Politica

Acqua: nel 2023 sparito un litro su cinque

di Gigi Cabrino – La siccità degli anni 2022 e 2023 continua a fare parlare, anche perché se il nord ha conosciuto periodi piovoso negli ultimi mesi non si può dire altrettanto

A Umberto Bossi il premio Rosa Camuna

Mercoledi’ 29 maggio, alle ore 17, a Palazzo Lombardia, in occasione della giornata in cui si celebra la “Festa della Lombardia”, verranno consegnati i ‘Premi Rosa Camuna’. Si tratta della piu’ alta
TornaSu

Don't Miss