Necessaria l’astensione di JCat di Puigdemont per il governo Sanchez!

24 Luglio 2023
Lettura 1 min

 Appena 50 giorni fa era considerato un uomo politicamente morto, ora invece può vantarsi essere l’unico leader socialista ad aver fermato la destra sovranista e che potrebbe ancora formare un governo. Detto questo, se andiamo nel dettaglio, Pedro Sanchez, ha davanti una strada percorribile, ma è irta e piena di insidie. Psoe e Sumar sommano, con l’appoggio dei suoi ex alleati durante l’ultima legislatura, Erc Pnv Bildu e Bng, 172 seggi. In caso di nomina a un premier servono più sì che no, per cui sarebbe necessaria l’astensione del partito di Puigdemont, JxCat. E nulla al momento farebbe presagire che questo partito possa osare il via libera a Sanchez senza alzare tantissimo l’asticella delle sue richieste indipendentiste. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Elezioni Spagna, arretra Vox. Partito Popolare conquista Senato ma maggioranza da inventare. Indipendentisti non disponibili?

Prossimo Servizio

I Lidi di Comacchio si riprendono la scena. “No tacchi” per tornare a vivere l’estate il 27 luglio

Ultime notizie su Politica

Acqua: nel 2023 sparito un litro su cinque

di Gigi Cabrino – La siccità degli anni 2022 e 2023 continua a fare parlare, anche perché se il nord ha conosciuto periodi piovoso negli ultimi mesi non si può dire altrettanto

A Umberto Bossi il premio Rosa Camuna

Mercoledi’ 29 maggio, alle ore 17, a Palazzo Lombardia, in occasione della giornata in cui si celebra la “Festa della Lombardia”, verranno consegnati i ‘Premi Rosa Camuna’. Si tratta della piu’ alta
TornaSu