Molto tiepidi autonomisti (leghisti?). Piantedosi e l’arrampicata sugli specchi

3 Luglio 2024
Lettura 1 min

“Non mi dichiaro prioritariamente autonomista, come altri, ma non capisco perché ci sia questa contraddizione apodittica, non sviluppata”. Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi mercoledì mattina a Ravenna per partecipare al seminario organizzato dal Viminale in collaborazione con la Scuola di specializzazione in studi sull’amministrazione pubblica, Spisa, “Sviluppi e prospettive delle autonomie locali” alla luce dell’iter di riforma del Tuel in corso. E senza entrare in polemica con l’ex presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini (in collegamento da Bruxelles si dice “un autonomista convinto”, ma l’autonomia differenziata voluta dal governo “non mi e non ci piace per niente”), replica che “magari incaricheremo Spisa di sviluppare il dibattito anche sull’autonomia differenziata”. Di certo, entra nel merito della riforma del Tuel attraverso una legge delega, “valorizzare livelli di governo più prossimi al territorio non può non essere visto come un rafforzamento della democrazia: autonomia significa rafforzare una democrazia matura”.

A patto che sia “coerente e armonica con l’unicità e l’indivisibilità della Repubblica”. Dunque, continua Piantedosi, se “rafforzare il principio autonomistico significa rendere più forte la democrazia, e centrali i cittadini, il decentramento va accompagnato da politiche sociali ed economiche perequative”. Per cui l’autonomia deve andare di pari passo con la “solidarietà, che significa anche sicurezza. Autonomia significa affermare la sussidiarietà dello Stato”.

Ha poi detto: “Sono meno autonomista di chi si dichiara autonomista ma che poi ha perso un progetto autonomista. Ne faccio meno un’affermazione di principio”. E dunque, ha proseguito, “io che sono meno autonomista, sono meridionale, ritengo che un progetto – quello di autonomia differenziata – sia orientato a responsabilizzare le classi dirigenti per cercare meccanismi di induzione ad una omogeneità territoriale. Legittimo avere opinioni contrarie ma sarebbe bello avere un confronto nel merito, specifico”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

FERROVIE, ITALO LANCIA IL RIFUGIO VIRTUALE PER ANIMALI E VOLONTARIATO NEI CANILI

Prossimo Servizio

UNO VALE UNO – Da Galileo a Colombo a Matteotti. Dopo Sangiuliano arriva Conte. Campioni di storia e geografia inarrivabili. Avanti il prossimo

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry

Biden si ritira dalla corsa per Casa Bianca

Joe Biden ha abbandonato la sua corsa per la rielezione alla Casa Bianca. 81 anni, Biden alla fine ha dovuto cedere alle pressioni sempre più forti di quelli che riteneva i suoi più stretti alleati (tra
TornaSu