Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

13 Giugno 2024
Lettura 1 min

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall’Italia e guidato dalla premier Giorgia Meloni. I primi ad arrivare sono stati il ​​presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, il britannico Rishi Sunak, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e il premier giapponese, Fumio Kishida. Per tutti i leader, all’arrivo uno scambio di battute con il presidente del Consiglio, vestita con un tailleur rosa, una foto di rito e la firma su un pannello con il logo del G7 . La prima sessione di oggi dedicata all’Africa, al cambiamento climatico e allo sviluppo. 

Anche il presidente francese Emmanuel Macron è arrivato per la prima sessione di lavoro. È stato accolto con una stretta di mano e un sorriso dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

 “Buon giorno a tutti, benvenuti qui in Italia. Sono molto orgogliosa, è un doppio onore per me accogliervi tanto nella mia veste di primo ministro della Repubblica italiana quanto nella mia veste di presidente di turno del gruppo dei 7”. Così la premier Giorgia Meloni rivolgendosi ai leader della terra in apertura dei lavori del vertice a Borgo Egnazia, in Puglia. “E’ la settima volta che l’Italia ha la responsabilità di guidare questo forum che nel 2025 compirà 50 anni, e in questi decenni ha chiaramente assunto un ruolo insostituibile nella gestione della crisi globale, particolarmente di coloro che mettono a pentimento la nostra libertà e le nostre democrazie”, ha aggiunto. 

“Valorizzare ciò che ci unisce e rafforzare la nostra collaborazione”. Ma anche “saper dialogare con tutti” perché “il G7 non è una fortezza chiusa in se stessa che deve difendersi da qualcuno”. Sono gli obiettivi della presidenza italiana del G7 , illustrati dalla premier Giorgia Meloni. Quella dei sette grandi Paesi del mondo, dice Meloni, “è un’offerta di valori che apriamo al mondo con lo scopo di uno sviluppo condiviso”.

L’olivo secolare “e’ il simbolo della nostra identita’, con le sue fronde proiettate sul futuro e con sette olive che sono i simboli delle nostre nazioni che cooperano insieme”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Chiedono il Var a Montecitorio per vedere chi mena. Ecco i lottatori della democrazia che scambiano la Camera per un campetto di calcio

Prossimo Servizio

Quando il bossiano Bresciani stava creando in sanità l’Europa delle Regioni. Chi ha distrutto il progetto?

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry

Biden si ritira dalla corsa per Casa Bianca

Joe Biden ha abbandonato la sua corsa per la rielezione alla Casa Bianca. 81 anni, Biden alla fine ha dovuto cedere alle pressioni sempre più forti di quelli che riteneva i suoi più stretti alleati (tra
TornaSu