La Russa, Salvini a nostra convention? Meloni non si imbucherebbe mai a Pontida. E Fitto: Lega in Europa sta con Le Pen. Noi no

Lettura 3 min

 Matteo Salvini? “Ancora? Lo ripeto, se vuole venire a salutarci ovvio che non lo mettiamo alla porta, lo riceviamo con tutti gli onori. Ma nessuno ha mai chiesto a Salvini e Berlusconi, quando organizzavano cose loro, perché non c’era la Meloni. E mai a lei verrebbe in mente, che so, di imbucarsi a Pontida. Sono eventi di partito che riguardano un partito”. Lo dice Ignazio La Russa (FdI) in un’intervista al ‘Corriere della Sera’. Un partito pronto anche a correre da solo? “Non lo auspichiamo affatto, anzi, chiediamo agli altri di tenere al centrodestra come ci teniamo noi. Chiediamo che si impegnino, come facciamo noi, a non partecipare più in futuro ad alcun governo che non sia di centrodestra. E visto che stavolta i numeri per governare potrebbero esserci, crediamo che la nostra richiesta di coerenza possa e debba da loro essere accolta. Ci contiamo”, risponde. 

 “Salvini è all’interno di un altro gruppo parlamentare (in Europa, ndr), quello di Identità e democrazia. Quindi, troviamo le convergenze talvolta sulle questioni parlamentari e sul lavoro che mettiamo in campo su temi sui quali ci possono essere dei punti di vista convergenti. Ma è evidente che, essendo anche in una logica delle delegazioni nazionali, la posizione dei conservatori è molto chiara”. Così il co-presidente del gruppo Ecr (Conservatori e riformisti europei) al Parlamento europeo, Raffaele Fitto, a margine della giornata conclusiva della conferenza programmatica di Fratelli d’Italia a Milano, rispondendo a una domanda sui rapporti con la Lega di Matteo Salvini a livello europeo.”Immaginiamo delle possibili collaborazioni in tutte le direzioni, ma l’autonomia di pensiero, di posizione e di scelta a livello europeo che il gruppo dei conservatori ha espresso ed esprimerà mi sembra molto chiara sia nell’azione del gruppo parlamentare sia nell’azione più politica del partito guidato da Giorgia Meloni”, ha concluso.

 “Il nostro obiettivo è arrivare con le nostre idee al governo della nazione e saremo pronti con le risposte da dare e con una classe dirigente di persone giuste al posto giusto. Abbiamo coinvolto tantissime autorevoli personalità, oltre 60, con le quali collaborare. Persone che non vengono da FDI ma che condividono con noi la rabbia per questa nazione bloccata. Noi vogliamo dare all’Italia la migliore riposta possibile e siamo assolutamente aperti a persone capaci, competenti e oneste”. Così Giorgia Meloni a Tg2 Post dalla conferenza programmatica di FDI a Milano. 

Servizio Precedente

Il delitto Anviti e il primo sangue dei vinti

Prossimo Servizio

Meloni: Nel centrodestra basta asilo infantile. Se alleati vogliono stare con me si diano delle regole

Ultime notizie su Politica