La guerra del Green Pass – Sindacato Esercito, mangiamo fuori per solidarietà

18 Agosto 2021
Lettura 1 min

 Il sindacato Itamil Esercito informa che “la maggioranza dei nostri tesserati possessori del Green Pass pranzerà all’esterno delle mense per dare un segnale di solidarietà con i colleghi non possessori del Green Pass, rispettando il distanziamento sociale e tutte le misure per prevenire la diffusione del virus”. Lo scrive il sindacato in una nota, aggiungendo che “i nostri tesserati che non possiedono il Green Pass rifiuteranno il sacchetto viveri come alternativa al pasto caldo. Per noi del sindacato Itamil Esercito lo spirito di Corpo resta un principio indissolubile che non può morire nei rapporti sociali tra i colleghi. Una grande comunità come quella dei militari eticamente non può accettare divisioni sociali nel suo interno. Tutto questo sta degenerando nel malessere, facendo passare il messaggio sbagliato sui vaccini e la prevenzione introdotta dalla linea dura contro coloro che hanno deciso di non vaccinarsi. Ad ogni buon conto invitiamo tutti i nostri funzionari a monitorare la questione del Green Pass nelle caserme dove sono presenti i nostri tesserati, per fornire informazioni dettagliate al nostro Team Legal al fine di segnalare eventuali violazioni in materia di diritto dei lavoratori per porre in essere le opportune azioni di tutela presso gli organi di competenza. In conclusione il nostro sindacato sostiene la campagna di vaccinazione in atto nel nostro paese e invita tutti i nostri tesserati a vaccinarsi per uscire tutti insieme dalla pandemia”.

Photo by Diego González 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Trump, nessuno peggio di Biden in Afghanistan. Usa mai così umiliati

Prossimo Servizio

Stipendio, quasi la metà va in spese obbligate

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu

Don't Miss