La Cina a Johnson: creare condizioni per la pace

25 Marzo 2022
Lettura 1 min

La Cina intende continuare a rivestire un “ruolo costruttivo” nella promozione della pace in Ucraina e la comunita’ internazionale dovrebbe realmente “creare le condizioni necessarie a una soluzione politica della questione”. E’ quanto dichiarato dal presidente cinese, Xi Jinping, in un colloquio telefonico avuto oggi con il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson. Nel corso del colloquio, il leader cinese ha analizzato gli sviluppi del rapporto bilaterale, invitando la controparte a considerare le relazioni da un punto di vista “equo e obiettivo”. La Cina e’ “disposta a condurre il dialogo con Londra in modo schietto, aperto e inclusivo” e auspica che quest’ultima collabori con Pechino allo sviluppo dei legami, che, nonostante i loro alti e bassi, si sono sviluppati costantemente. Il volume degli scambi bilaterali ammonta a cento miliardi di dollari e lo scorso anno gli investimenti cinesi nel Paese “sono piu’ che triplicati”, ha osservato il leader cinese. Cina e Regno Unito sono diversi per “condizioni e percorsi di sviluppo” e dovrebbero “rispettarsi a vicenda, rafforzare il dialogo e gli scambi, ed espandere la cooperazione con mentalita’ aperta e inclusiva”, ha sottolineato. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

“Operazione Covid della Russia fu propaganda, non spionaggio”

Prossimo Servizio

La Russia aggira le sanzioni con i pagamenti in Bitcoin

Ultime notizie su Politica

Mosca: Con ritiro Biden molto può cambiare

 Il Cremlino monitorerà la situazione, ma considera prioritari non i risultati delle elezioni americane, ma il raggiungimento degli obiettivi del Distretto militare centrale. Lo ha detto il portavoce del presidente russo Dmitry

Biden si ritira dalla corsa per Casa Bianca

Joe Biden ha abbandonato la sua corsa per la rielezione alla Casa Bianca. 81 anni, Biden alla fine ha dovuto cedere alle pressioni sempre più forti di quelli che riteneva i suoi più stretti alleati (tra
TornaSu

Don't Miss