La Cgil: Bozza Calderoli, quali garanzie per chi ha ricevuto sempre meno da Roma?

Lettura 1 min

“Oggi ci troviamo davanti a tre azioni messe in campo dal Governo che ci preoccupano molto: la seconda bozza Calderoli sull’autonomia differenziata, la cabina di regia sui Lep senza aver avuto un confronto con le forze politiche e tantomeno con quelle sociali e sindacali e la questione della spesa storica, che dovrà stabilire come destinare e redistribuire il peso fiscale tra le regioni italiane. In questo caso il pericolo è chi in passato ha ricevuto maggiori risorse continuerà a riceverne. Mentre chi ha sempre ricevuto meno, continuerà ad avere sempre meno fondi. Abbiamo raccolto con piacere l’invito dell’Anpi Napoli e del coordinamento per la democrazia costituzionale ad essere presenti a questa iniziativa, per tenere alto l’interesse su questo tema ragionando con tutti, portando la nostra posizione che sarà anche al centro del nostro congresso regionale del 2 e 3 febbraio prossimi”. Così il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, a margine dell’iniziativa “Autonomia differenziata e presidenzialismo: come scardinare la Costituzione”, promossa da Anpi Napoli e coordinamento per la democrazia costituzionale, che si è tenuta nella biblioteca della Società napoletana di Storia Patria al Maschio Angioino.

Servizio Precedente

Comitato Nord non si presenta? Nulla di nuovo sotto il sole. Eppur si muove

Prossimo Servizio

Scoppia la grana direttiva Ue sulla casa. La Lega sulle barricate

Ultime notizie su Politica