Infermieri imbavagliati a trattativa per contratto: “Il nemico non è quarta ondata ma indifferenza governo a professione”

Lettura 1 min

++++++++++++++++++++++++++++++++++

Protesta senza precedenti quella dei componenti del Nursing Up, sindacato nazionale infermieri. Durante la riunione di giovedì nel corso delle trattative con l’Aran per il rinnovo del contratto del comparto sanita’, il presidente Antonio De Palma e i delegati degli infermieri si sono presentati in divisa e imbavagliati. “Gli infermieri italiani – scrive il sindacato in una nota – si sentono come i muli delle favole di Esopo, che si incamminano su impervie salite, costretti ad andare avanti senza sosta, portando sulle spalle non solo i fardelli del carico, ma anche il proprio padrone, stanco sin dal primo momento di intraprendere l’angusta via. Un padrone che ogni giorno che passa dimezza la razione di cibo, ma aumenta il carico da portare in groppa, a cui peraltro aggiunge il peso di se stesso”.

Una manifestazione di “profondo dissenso che racconta, in modo inequivocabile, una situazione giunta all’acme della tollerabilita’ per gli operatori sanitari italiani”, si legge ancora nella nota. Per il sindacato infermieri italiani “il vero nemico da fronteggiare, ancora una volta, non e’ rappresentato dalla nuova ondata di Covid, bensi’ dalla pericolosa indifferenza fin qui mostrata da Governo, Regioni e Aran rispetto ad un percorso, quello contrattuale, che rischia di rivelarsi un pericoloso boomerang per i professionisti della salute, le cui istanze -conclude la nota- hanno trovato il muro di cemento armato e il filo spinato dell’indifferenza delle istituzioni”.

Servizio Precedente

Zaia, No vax? Loro libertà termina dove finisce la nostra

Prossimo Servizio

Meno viaggi in auto per risparmiare

Ultime notizie su Politica