Il rebus delle deleghe e il ministro dimezzato

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Salvini vice premier e ministro per le infrastrutture. Scoppia subito il caso dello spazio di azione che avrà il ministro. Come osserva Adnkronos “Il tema non è solo formale. Sul piano sostanziale, in ballo c’è l’apporto che darà al governo Matteo Salvini, nella duplice veste di ministro delle Infrastrutture e di vicepremier. Non a caso, subito dopo la lettura della lista dei ministri da parte del premier Giorgia Meloni, sono arrivate le prime puntualizzazioni.

“Le deleghe del ministro Musumeci”, per il Mare e per il Sud, “non assorbiranno alcuna competenza attualmente in capo al ministero delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili”, che sarà guidato da Matteo Salvini, hanno sottolineano fonti della Lega.
Delega al mare al fedelissimo Musumeci, come si coordinerà coi porti che si riferiscono alle infrastrutture?


Fondi PNRR seguiti dal fedelissimo Fitto, ma buona parte dei fondi in questione sono indirizzati a progetti riguardanti le grandi infrastrutture.
Siamo solo all’inizio.

Servizio Precedente

Per dimezzare il caro energia servono almeno 35 miliardi

Prossimo Servizio

Quel ministero dell'Agricoltura, così centrale e così blindato da Bruxelles che comanda e disfa. Altro che sovrani

Ultime notizie su Politica