Il fuoco amico sull’autonomia differenziata e il tricolore che sventola sull’alluvione

28 Maggio 2023
Lettura 1 min

di Raffaele Piccoli – La catastrofe naturale che si è abbattuta sull’Emilia-Romagna nella scorsa settimana ha fatto cadere  in secondo piano quanto fatto circolare dai “tecnici” del Senato riguardante i costi dell’autonomia differenziata. In sostanza dal Senato si è fatto emergere che i costi  sarebbero difficilmente sopportabili per il bilancio statale, e si aggraverebbe nel contempo il divario Nord Sud.  Tradotto dal politichese, senza i residui fiscali delle regioni del nord a statuto ordinario, salta l’equilibrio di bilancio.

Difficile comprendere se e in quale misura queste affermazioni corrispondano al vero, oppure se si tratta della solita disinformazione messa in campo dall’opposizione . Quello che al contrario ben si comprende, è il fatto che le affermazioni non sono uscite dal Senato per caso o per errore, ma che sono  state fatte circolare allo scopo di mettere in difficoltà il percorso di approvazione di una riforma che dai parlamentari del Sud (anche di centro destra) è vista letteralmente come il fumo negli occhi. Il coro di scuse sulla inopinata fuga di notizie è partito immediatamente , ma  la frittata era fatta. Il significato politico,  risulta di tutta evidenza. Le cose non si devono toccare.

Il Nord è orfano, orfano di qualcuno che  sia in grado di difendere i legittimi interessi della parte produttiva che sostiene in gran parte l’economia di questo paese. Ma quello che lascia davvero stupiti è il fatto che il Popolo, la gente delle nostre terre non lo comprende.

I servizi  sull’alluvione della Romagna, che le televisioni ci presentano quotidianamente mettono in luce, oltre ogni ragionevole dubbio questa situazione. Territori devastati, gente operosa che si impegna e non si lamenta, che non attende l’aiuto dall’alto,  aiuto che  tarda ad arrivare. A questo si aggiunge  un altro  dato saliente,  il tricolore italiano.

Lo vediamo sventolare dalle case invase dal fango al centro di vie sommerse dall’acqua.  Acqua che non sarebbe dovuta divenire pericolosa per la vita delle persone e delle imprese. Francamente fatico a comprendere, in quanto non c’è da essere particolarmente orgogliosi di quella bandiera, di quel simbolo. Esso rappresenta uno stato, una “nazione” che grazie alla sua incuria, burocrazia, assenza, incapacità è come minimo corresponsabile di accadimenti tanto drammatici. Povera Italia.

Raffaele Piccoli, Grande Nord – Ferrara

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Filippo Turati, federalista e nordista

Prossimo Servizio

Fondi Pnrr per la scuola in tecnologia mentre cadono a pezzi le aule

Ultime notizie su Politica

Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall’Italia e guidato dalla premier Giorgia Meloni. I primi ad arrivare sono stati il ​​presidente della Commissione Ue, Ursula

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss