I rubli e Cingolani. Il ministro smentisce il via libera per qualche mese per pagare in valuta russa il gas

Lettura 1 min

“Penso che sarebbe bene per qualche mese, almeno, permettere alle aziende di andare avanti e pagare in rubli, mentre comprendiamo il quadro giuridico e le implicazioni”. Cosi’ il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani a Politico sui pagamenti del gas dopo il decreto della Russia che prevede per le aziende degli Stati ‘ostili’ l’apertura di un conto in rubli. “Credo che le compagnie petrolifere e del gas non possano rischiare di pagare e poi essere accusate di aver infranto le sanzioni, ma allo stesso tempo non possono rischiare… di non pagare in rubli”. In contratti lunghi “i costi sarebbero estremamente alti”. 

– “L’articolo pubblicato da Politico dal titolo “Italy open to paying for Russian gas with rubles” e’ fuorviante e non corrisponde alla posizione espressa dal ministro Cingolani che non ha mai aperto ad un pagamento in rubli”. E’ quanto afferma il ministero della Transizione Ecologica in una nota nella quale aggiunge che “in attesa che si definisca unitariamente, a livello di Ue, la posizione sui pagamenti, lo schema euro/rubli che prevede che le imprese paghino in euro, al momento non lascia ravvisare una violazione delle sanzioni stabilite il 24 febbraio”. 

Servizio Precedente

Nasce a Milano il primo protocollo per l’indipendenza economica delle donne che hanno subito violenza

Prossimo Servizio

LAV: “ITALIA LEADER DELLA VERGOGNA NELLA PRODUZIONE E COMMERCIO DI TIGRI. SUBITO SCHEMA DECRETO CHE APPLICHI DIVIETI E DISPOSIZIONI GIA’ ESISTENTI”

Ultime notizie su Politica