I partiti sottovalutano la determinazione di Draghi

17 Luglio 2022
Lettura 1 min

 I partiti della estinta maggioranza di unità nazionale implorano il premier, affinché ritorni sui suoi passi e, nel giro di una sola settimana, rinneghi la sua incontestabile valutazione politica sulla defunzione della maggioranza e sulla rottura insanabile del rapporto di fiducia con il governo”. Lo scrive in una nota il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro. “In realtà, pur dichiarandosi pronti al confronto nelle urne, temono l’implacabile giudizio del corpo elettorale, al quale si presenteranno impreparati nei programmi e privi di qualsiasi residua credibilità politica. Il gran ballo del populismo, del sovranismo e dell’irresponsabilità ha le ore contate. Anche perché le mistificazioni e le promesse demagogiche del 2018 non troveranno più udienza presso il popolo italiano”, conclude. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’appello – Undici sindaci scrivono a Draghi. Da Brugnaro a Sala a Nardella: Non deve dimettersi

Prossimo Servizio

Forza Italia si spacca su bis di Draghi. Centrodestra nella nebbia

Ultime notizie su Politica

Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall’Italia e guidato dalla premier Giorgia Meloni. I primi ad arrivare sono stati il ​​presidente della Commissione Ue, Ursula

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss