Gadda: Il ceto medio sta soffrendo. La manovra non sia solo qualche bonus ma vera detassazione

21 Settembre 2023
Lettura 1 min

“Quando discuteremo la legge di Bilancio, voglio sperare che non ci si limiti ai soliti bonus ma si mettano in campo delle misure strutturali”. Lo ha detto Maria Chiara Gadda, deputata di Italia Viva, a Radio Rai 1.“La situazione è tale che il ceto medio soffre. E’ addirittura aumentata la soglia di popolazione che fa fatica ad accedere a dei beni primari come il cibo e i farmaci. Figuriamoci per i beni che non sono percepiti come fondamentali ma generano comunque ricchezza e lavoro. In più ci sono alcuni servizi chiave, come sanità e trasporti, che non stanno funzionando e chi fa fatica è doppiamente penalizzato perché non può provvedere privatamente. La nostra ricetta è quella di non andare più nella direzione dei bonus, che illudono le persone perché durano pochi mesi e poi rischiano di non essere rinnovati, ma di misure che abbiamo una loro continuità. Penso alla detassazione delle tredicesime e delle buste paga, al potenziamento degli strumenti di Welfare aziendale e fringe benefit che forniscono servizi alle famiglie. E poi il governo si faccia carico del rinnovo dei contratti, alcuni sono scaduti da mesi. L’obiettivo deve essere quello di aiutare concretamente le persone nella vita quotidiana, altrimenti il rischio è di avere un impoverimento strutturale del ceto medio”, ha concluso.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

I Comuni ascoltano gli artigiani più di Roma

Prossimo Servizio

Diretta – Castelli lascia la Lega, la conferenza stampa a Milano: Serve una alleanza europea di tutte le forze autonomiste. Macroregione già possibile in Costituzione

Ultime notizie su Politica

Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall’Italia e guidato dalla premier Giorgia Meloni. I primi ad arrivare sono stati il ​​presidente della Commissione Ue, Ursula

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu