Europarlamentare Gazzini passa dalla Lega a Forza Italia

9 Dicembre 2023
Lettura 1 min

L’europarlamentare Matteo Gazzini passa dalla Lega Salvini premier a Forza Italia. Nel 2019, Gazzini, di Laives (Bolzano), era risultato il primo dei non eletti nella sua circoscrizione. Ed era subentrato nel 2022 a Marco Dreosto, dimessosi per incompatibilita’ in quanto eletto al Senato. “Scelgo il partito popolare europeo. Scelgo Forza Italia. Ho sottoscritto l’adesione con fermo convincimento, senza alcuna trattativa per me, ma solo per il mio territorio”, fa sapere. “Voglio un Trentino Alto Adige protagonista in cui le imprese e le famiglie abbiano un punto di riferimento. Ho condiviso i valori fondanti sia di Forza Italia che del Ppe e mi ritrovo perfettamente nella leadership del presidente Tajani. Abbiamo un lavoro importante da fare gia’ dalla prossima sessione, quando ancora una volta saremo in prima linea a tutela della piccola impresa contro un’obiezione che mira a modificare la definizione di piccola impresa aumentando il numero di addetti, snaturandola dal suo originario significato; o quando dovremo preparare gli emendamenti per accelerare i ritardi nei pagamenti a favore delle imprese. Sono consapevole della necessita’ di un processo di innovazione del partito sul territorio, ma saranno i cittadini ad indicarci la via, e noi la seguiremo. Non ci sono limiti di miglioramento: cambiare per migliorare”, aggiunge. (AGI)Red/Fed 091206 DIC 23 NNNN

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Peste suina, Ciocca (LEGA): “Commissione intervenga sulla difficoltà degli allevatori di Pavia nel trovare macelli che accolgano i loro capi”

Prossimo Servizio

Italia meglio dei suoi competitori. Peccato per il debito pubblico…

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu